ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: focolaio covid al Tottenham, Conte 'siamo un po' spaventati'-Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)-Covid oggi Germania, 69.601 contagi e 527 morti

Seguire la stagionalità di frutta e verdura è importante?

Condividi questo articolo:

Come scegliere la frutta e la verdura da portare in tavola? E’ giusto seguire solo la stagionalita’?

 

Mangiare frutta e verdura fresche è fondamentale per mantenersi in salute. Sono un’importante fonte di vitamine e sali minerali, nonché dei cosiddetti “phytochemicals”, composti chimici che si trovano naturalmente in tutti i prodotti di origine vegetale e che sono i responsabili delle proprietà organolettiche e del colore proprio di questi alimenti. Si tratta di metaboliti secondari delle piante che non hanno alcun significato nutrizionale e sono presenti in piccolissime quantità, ma che svolgono funzioni importanti per la salute. Questi comprendono terpenoidi (carotenoidi, xantofille, fitosteroli, etc.), composti fenolici (flavonoidi, lignani, antocianine, etc.), glucosinolati (isotiocianati, indoli e composti contenenti zolfo presenti nelle crucifere) e tantissime altre molecole.

Ormai, nei mercati e nei supermercati troviamo tutto l’anno, zucchine, melanzane, peperoni, pomodori, e tanti altri vegetali propri della stagione estiva e ci viene da chiedere se è salutare rispettare la stagionalità di tali alimenti. Prima di dare la risposta c’è da fare una premessa molto importante: è meglio mangiare frutta e verdura a prescindere. Questo perché gli effetti benefici del consumo regolare di questi alimenti sono indiscutibili, indipendentemente dalla stagionalità. Riducono il rischio di sviluppare tumori, ictus, malattia di Alzheimer, cataratta e altre patologie legate all’invecchiamento. Questi effetti benefici sono dati da una combinazione sinergica di vitamine e phytochemicals presenti in questi alimenti e questo è il motivo per cui non abbiamo gli stessi effetti se assumiamo estratti purificati delle stesse sostanze, sotto forma di integratori.

Tuttavia, ci sono delle differenze dal punto di vista nutrizionale tra frutta e verdura di stagione e non? In linea di massima no. Contengono circa gli stessi nutrienti, anche se i metodi di coltivazione possono far variare tale composizione. Questo è vero sia per i prodotti di stagione che per quelli coltivati in serra. Un discorso un po’ differente è da fare per quanto riguarda l’ambiente e il costo economico. Un prodotto fuori stagione o viene coltivato in serra o proviene da paesi molto distanti dal nostro, dove il clima è più adeguato a tali coltivazioni. In questi casi è forte l’impatto sull’ambiente (con un aumento del consumo di benzina e di produzione di CO2) e sul nostro portafoglio (costi maggiori per il trasporto che si traducono in costi maggiori del prodotto). 

Detto questo, il mio consiglio e quello di consumare frutta e verdura, 5 porzioni al giorno, ma preferire quella di stagione per rispettare di più il nostro ambiente e risparmiare denaro. Anche se da un punto di vista nutrizionale non cambia molto, il rischio è quello di preferire uno o due tipi di frutta e verdura e mangiare sempre quelli. Viene meno così uno dei principi fondamentali della Dieta Mediterranea, ossia la variabilità! Bisogna cercare di mangiare tutto nelle giuste quantità ed evitare diete mono-alimento, o comunque poco variate.

Paolo Gozzo

 

 

Bibliografia

 

Rui Hai Liu. 2003. Health benefits of fruit and vegetables are from additive and synergistic combinations of phytochemicals. Am J Clin Nutr. vol. 78 no. 3:517S-520S

Questo articolo è stato letto 7 volte.

frutta, frutta e verdura, verdura

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net