Oggi la giornata contro lo Spreco Alimentare

Condividi questo articolo:

Oggi la prima giornata contro lo Spreco Alimentare. Le regole per non buttare il cibo

 

E’ oggi la prima giornata di Prevenzione dello Spreco Alimentare in Italia, voluta dal Ministero dell’Ambiente non solo per recuperare lo spreco alimentare ma soprattutto per ‘prevenirlo’. L’Italia è in prima linea per evitare che alimenti non consumati, consumati a metà, scaduti finiscano nella spazzatura: una equipe, guidata da Andrea Segrè, Presidente di Last Minute Market, è allo studio per trovare soluzioni utili allo spreco.

Ma ognuno di noi, ovviamente, può fare qualcosa. Singoli cittadini, famiglie e aziende devono cambiare il loro modo di pensare, di fare la spesa, di acquistare. Ecco alcune regole per non sprecare il cibo:

Spesa intelligente: scrivere la lista della spesa, controllando prima cosa sia rimasto nel frigorifero e nella dispensa. Così si evita di acquistare lo stesso articolo e si pensa già ai possibili menu della settimana. Una volta nel negozio, seguire l’elenco e arrivare solo alla fine agli articoli di banco frigo e freezer, facendo sempre attenzione alle scadenze indicate sulle etichette. 

Ospiti in vista: niente piatti che non possono essere riscaldati e consumati il giorno dopo. Meglio poi cercare di non strafare, considerando il numero degli invitati. 

Dispensa: fare attenzione alle istruzioni delle etichette dei prodotti, ad esempio se si parla di conservare a temperatura ambiente o in luogo fresco. Meglio raggruppare lo stesso tipo di scorte tutte insieme, per evitare doppioni. 

Frigorifero: per conservare meglio i cibi, usare i contenitori e disporli considerando quali sono le zone più fredde. Pulire il frigorifero due volte al mese, per evitare la circolazione dei batteri. Consumare frutta e verdura prima che vada a male. In caso avvenga, evitare di contaminare i prodotti freschi.

 

Ai fornelli: Usare confezioni di cibo già aperte o in prossimità della scadenza. Seguire le ricette adattando le dosi al numero di commensali e ricordarsi di usare gli avanzi, per creare ad esempio insalate o sformati.

gc

Questo articolo è stato letto 4 volte.

cibo, spreco, spreco alimentare, spreco cibo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net