Alimentazione, l’Ue da’ battaglia alle false pubblicita’

Condividi questo articolo:

Grazie alle nuove etichette per i cibi i consumatori europei potranno essere certi della correttezza dei messaggi sulla salute che reclamizzano i prodotti alimentari

Le etichette alimentari devono essere vere e così anche le promesse dei messaggi pubblicitari. Per fa si che questo venga rispettato la Commissione europea ha approvato una lista di 222 messaggi salutistici che, basata su pareri scientifici solidi, sarà utilizzata in tutta l’Unione europea. Il consumatore che leggerà  su un’etichetta o un messaggio promozionale che quel cibo ”favorisce l’assorbimento del calcio nelle ossa”, oppure che ”abbassa il colesterolo”, avrà la certezza che l’indicazione e’ stata provata scientificamente e valutata positivamente dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

I nuovi messaggi salutistici per le etichette alimentari sono frutto di anni di lavoro e rappresentano una tappa significativa verso la normativa sui prodotti alimentari e verso la tutela dei consumatori. La lista dei messaggi potrà essere consultata in rete, permettendo a tutti i cittadini europei di scegliere consapevolmente la loro alimentazione. I messaggi promozionali privi di fondamento scientifico dovranno essere ritirati dal mercato.

Per cambiare le proprie etichette alimentari e i propri messaggi salutistici i produttori alimentari dispongono di un periodo di sei mesi e dall’inizio del prossimo mese di dicembre, tutti i messaggi che non sono stati autorizzati, o sono ancora in attesa di esame, saranno vietati.

(GC/VG) 

Questo articolo è stato letto 4 volte.

22 messaggi salutistici, alimentazione, etichette alimentari, etichette cibi, messaggi promozionali, tutela consumatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net