La barbabietola rossa combatte l’anemia e i grassi in eccesso

Condividi questo articolo:

La barbabietola rossa combatte l’anemia, allontana il rischio di tumore al colon e, grazie alla saponina, elimina il grasso in eccesso nel nostro organismo

La barbabietola rossa è un ortaggio dalle origini antichissime, se ne hanno notizie addirittura in un papiro babilonese. In Europa la sua coltivazione era già diffusa nel XV secolo, inizialmente si adoperavano solo le sue foglie per utilizzo alimentare, poi si diffuse anche l’utilizzo delle sue radici.

La barbabietola rossa è composta, per il suo 90%, da acqua. E’ un ortaggio idratante, ideale per recuperare i liquidi persi durante una giornata di caldo estivo. Secondo uno studio svolto in Grecia e pubblicato qualche anno fa sull’International Journal of Cancer, la barbabietola rossa previene, grazie alle sue proprietà, il tumore al colon.

La barbabietola rossa, per l’alto contenuto di sali minerali e ferro, è indicata per la cura delle persone anemiche. La saponina, una sostanza contenuta dalla barbabietola, facilita l’eliminazione dei grassi: la barbabietola è indicata per chi segue un regime dimagrante. La presenza di vitamina C apporta invece benefici al nostro sistema immunitario, mentre l’acido folico, in unione con la Betaine, rinforza i vasi capillari contribuendo a mantenere in salute il sistema cardiocircolatorio. La barbabietola ha anche proprietà antiossidanti.

(gc) 

Questo articolo è stato letto 31 volte.

anemia, barbabietola rossa, benefici barbabietola rossa, benefici verdura, dieta, proprietà barbabietola rossa, proprietà verdura

Commenti (2)

  • … [Trackback]

    […] Find More Information here to that Topic: ecoseven.net/alimentazione/biologia-dell-alimentazione/la-barbabietola-rossa-combatte-lanemia-e-i-grassi-in-eccesso/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net