Pompei: ancora un crollo. Cede il muro di una bottega

Condividi questo articolo:

Nuovi crolli a Pompei: cede il muro di una bottega e parte di intonaco della Casa della Fontana piccola

 

Nuovo crollo a Pompei, dove, a causa anche del maltempo, è crollato il muro di una bottega di via Stabiana. E’ venuta giù anche una parte di intonaco della Casa della Fontana piccola, all’ingresso della stessa via. Il cedimento è stato segnalato dalla Sovrintendenza Speciale dei Beni archeologici di Napoli e Pompei, che promette che  i lavori di ripristino partiranno con urgenza a metà dicembre. L’ultimo crollo verificatosi nel sito archeologico risale a pochissimi giorni fa, lo scorso 24 novembre, crolli di stucchi in Domus e squarci nelle mura delle Terme. 

Gli interventi di restauro di Pompei inizieranno proprio con il ripristino della parte superiore del muro della bottega. Poi seguiranno i lavori di messa in sicurezza delle Regiones VI e VIII, le cui gare sono in via di conclusione. Gli interventi consentiranno di superare il fenomeno del degrado delle murature, realizzate con pietrame minuto e malta molto povera.

 

Dopo gli ultimi crolli, non mancano le accuse. Per il rappresentante della Cisl degli Scavi, Antonio Pepe, i nuove cedimenti sono un ‘segnale che la Sovrintendenza si deve dare da fare, perchè la manutenzione ordinaria è stata trascurata da troppi anni e i crolli ne sono la conseguenza’.

gc 

Questo articolo è stato letto 15 volte.

crollo, crollo a Pompei, crollo muro Pompei, Maltempo, Pompei

Comments (2)

  • … [Trackback]

    […] Read More Info here to that Topic: ecoseven.net/viaggiare/siti-unesco/pompei-ancora-un-crollo-cede-il-muro-di-una-bottega/ […]

  • … [Trackback]

    […] Find More Information here on that Topic: ecoseven.net/viaggiare/siti-unesco/pompei-ancora-un-crollo-cede-il-muro-di-una-bottega/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net