ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ilaria Salis: "Rivendico militanza in movimento di lotta per la casa, basta fango"-Tutti pazzi per lo Yoga, chi lo pratica e chi ha cambiato vita-Ascesa e strategie realme nell'intervista con Chase Xu-Fedez e Codacons, scoppia la pace: la foto per il lieto fine-Satnam Singh, Calderone: "Dichiariamo guerra al caporalato, più controlli e ispettori"-Giovagnoni (Sirm): "Con Ai diagnosi radiologica più precisa, precoce e sicura"-Startup, Digithon 2024: da 5 a 7 settembre la più grande maratona digitale italiana, focus sull'Ia-Bus precipitato a Mestre, la perizia: "Lo sterzo si è rotto"-Mes, Giorgetti: "Ratifica a breve impossibile, a lungo dipende. Chiederla ora è buttare sale su ferita"-Incidente sul lavoro, 35enne muore incastrato in un macchinario-Atp Halle, Bolelli e Vavassori in finale nel doppio-Satnam Singh, dal Viminale permesso di soggiorno a vedova del bracciante morto a Latina-Cosa c'è veramente dietro il cielo giallo di questi giorni?-"Talento e impegno per la radiologia", medaglia d'oro a Schillaci, Malagò e Bracco-Radiologia medica, l'innovazione è nell'intelligenza artificiale-Lite Ramazzotti-Virzì, procura di Roma avvia indagine-William compie 42 anni, re Carlo diffonde la foto col principe bambino-Ucraina-Russia, se Occidente investe risorse Putin perderà la guerra: l'analisi-'6 minuti per farla innamorare', Illycaffè presenta il cortometraggio che celebra il caffè come gesto d'amore-Napoli, scontro tra due moto a Torre Annunziata: un morto e 3 feriti gravi

Il vaccino per salvare il diavoletto della Tasmania dall’estinzione

Condividi questo articolo:

Alcuni esemplari sono stati vaccinati e ora si attendono i risultati

Il diavolo della Tasmania è una specie di marsupiale diffuso appunto nell’isola della Tasmania, vicino all’Australia.

È in pericolo di estinzione in quanto dalla fine degli anni novanta è stato decimato da una rara forma di cancro trasmissibile, il ‘tumore facciale del diavolo’, che ne ha ridotto considerevolmente il numero: la popolazione è diminuita del 90%. 

Gli scienziati sono forse giunti a un punto di svolta per la salvaguardia di questa specie.

Alcuni esemplari sono stati cresciuti in cattività in ambienti sani, dove il rischio di contrarre la malattia era basso. Venti di loro sono stati recentemente liberati e a loro è stato anche somministrato un vaccino che dovrebbe tenerli al riparo dal tumore.

Il vaccino è stato sviluppato usando i 20 diavoli della Tasmania tenuti in cattività ai quali era stato inoculata la malattia in forma lieve: grazie alla loro risposta immunitaria è stato possibile scoprire un vaccino.

Ora si attende di scoprire se questo vaccino è effettivamente funzionante nel loro habitat naturale. 

Gli esemplari liberati sono stati ‘addestrati’ poco a poco a vivere nell’ambiente selvaggio e si attende di scoprire come reagiranno al contatto con altri esemplari infetti dalla malattia.

Purtroppo, come ha riferito la stampa australiana, i primi due esemplari sono morti, ma non per il tumore, per colpa delle auto che li hanno investiti.

 

Questo articolo è stato letto 110 volte.

Diavolo della tasmani9a, estinzione, tumore, vaccino

Comments (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net