Aiutiamo i ricercatori studiare le onde gravitazionali con il nostro computer di casa

Condividi questo articolo:

Scopriamo il progetto Einstein@home: possiamo dare il nostro piccolo contributo alla ricerca

Volete aiutare i ricercatori a scoprire i segreti del cosmo? C’è un modo molto pratico per aiutarli: mettete a disposizione il vostro computer. Non vi costa nessuna fatica e non comprometterà le vostre attività.

Il progetto Einstein@home distribuisce automaticamente sui PC dei volontari i dati raccolti dall’esperimento Ligo, quello che in febbraio ha ‘visto’ per la prima volta le onde gravitazionaliConcettualmente mettendo in rete tutti i computer si crea un super cervello virtuale che può così distribuire il calcolo tra tutti i computer connessi.

Nella pratica funziona come uno screen saver gratuito che analizza i dati solo quando non state utilizzando il computer.

Potete ‘dare la caccia’ anche voi alle onde gravitazionali alleggerendo il lavoro dei ricercatori! Infatti questo lavoro ha bisogno di calcoli complicatissimi che necessitano, appunto, di una potenza di calcolo gigantesca. Mettendo insieme tutti nostri computer sarà più facile analizzare i dati.

 

Questo articolo è stato letto 4 volte.

Einstein@home, Onde gravitazionali, ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net