ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Governo: Meloni scherza con cronisti, 'faccio tardi per farvi fare le dieci...'-M5S: Iezzi (Lega), 'Brigate di cittadinanza? da Grillo istigazione a terrorismo'-Ue: Castaldo (M5S), 'tassare criptovalute per maggiore equità fiscale'-Terzo Polo: incontro Calenda-Renzi, 'federazione a novembre'-Pd: De Maria lancia il ticket Bonaccini-Schlein, Renzi, 'con o senza Elly dem finiti'-Fontana (Centri clinici Nemo): 'Nostre conoscenze al servizio di Villaggio Insieme'-Lazio: Lombardi, alleanza con Pd? 'Presto per dirlo, ma su Regioni scelte dal basso'-Governo: Draghi vede Casini a P.Chigi-Tironi (Lombardia): 'In regione numeri in crescita per Sla e Alzheimer'-Migranti: Carmina (M5S), 'rivedere politica comunitaria, Ue convitato di pietra'-Sileo (Ats Brescia): 'A Carpenedolo una struttura specifica per Sla e Alzheimer'-**Elezioni: Ist.Cattaneo, se Pd, M5S e Azione uniti doppio collegi rispetto a centrodestra**-Governo: Calenda, 'basta che Meloni non abbia festeggiato vittoria ed è già statista...'-Un microscopio per il Vimm, Th Resorts sostiene il progetto-**Pd: verso Direzione dem, streaming e relazione Letta 'aperta'**-Fisco: Freni (Lega), 'flat tax a 100mila? Non vedo problemi a farla in manovra'-Castelli (Crédit Agricole Vita), ‘Innovazione va integrata, unico limite è immaginazione’-Governo: Borghi, 'non fare flat tax e tenersi la Fornero? No grazie'-Fisco: Bagnai, 'flat tax riduce e semplifica tasse, obiettivo Lega'-Colloqui di lavoro nel metaverso, al via la sperimentazione di Crédit Agricole Vita

La Germania prevede di tagliare le emissioni del 95% entro il 2050

Condividi questo articolo:

Gli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale sul pianeta da parte dei Paesi sono sempre più ambiziosi: ecco il caso tedesco

La Germania ha appena annunciato i suoi piani per ridurre le emissioni di gas serra e si parla di numeri molto importanti: una riduzione dall’80 al 95% entro il 2050. I leader del governo di coalizione hanno raggiunto l’accordo giusto in tempo per la Conferenza sul clima di Marrakech, COP22, e il progetto include anche piani per ridurre le emissioni di anidride carbonica di un quinto entro il 2030.

Anche se l’accordo prevede una clausola che permetterà una revisione degli obiettivi nel 2018, rappresenta comunque un grandissimo passo in avanti. C’erano stati già dei tentativi in precedenza, fatti dal Ministro tedesco per l’Ambiente Barbara Hendricks nel 2015, che presentavano obiettivi di riduzione di CO2 per i diversi settori industriali, ma erano stati ostacolati dai ministri speciali dei diversi partiti del governo di coalizione. L’accordo finale contiene alcuni compromessi, tra cui: obiettivi di riduzione più bassi per le centrali elettriche e l’assenza di un prezzo minimo per i certificati di inquinamento previsti dalle disposizioni europee in materia.

Nonostante le preoccupazioni per la perdita di posti di lavoro causata della graduale eliminazione della lignite (che rilascia la più alta quantità di emissioni di CO2 per tonnellata quando bruciata), il Ministro tedesco per l’Economia, Sigmar Gabriel, ritiene che il piano è una soluzione buona e ben bilanciata e che altri Paesi seguiranno le orme di questa politica climatica ambiziosa.
Greenpeace ci ha tenuto a lodare il governo tedesco per aver scelto riduzioni specifiche per ogni settore e per puntare a una graduale eliminazione del carbone. La fine dell’era del motore a scoppio passerà anche per quel 95%.

Questo articolo è stato letto 17 volte.

CO2, eco, germania, Green Economy, rinnovabili

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net