Quindi per le donne è meglio un’auto ibrida?

Condividi questo articolo:

Un esponente di Nissan ha detto che i cavi per ricaricare le auto elettriche sono troppo pesanti per le donne

Ivan Espinosa, global product strategist per la casa automobilistica giapponese Nissan, ha deciso di dare voce alle donne, spiegando quanto fosse difficile per loro avere a che fare con il cavo per la ricarica dell’auto elettriche.

A quanto pare, le donne proprietarie del modello completamente elettrico dell’azienda, Leaf, hanno delle braccia davvero molto delicate.

La sua bizzarra affermazione è stata riportata da Automotive News, che ha pubblicato un’intervista con Espinosa. Quando gli hanno chiesto di condividere quello che la Nissan aveva imparato dalle esperienze con il suo veicolo Leaf, lui ha parlato del «problema della carica», ovvero di «quanto sia facile o difficile ciò ha un grande impatto sull’esperienza del cliente EV».

«Non si tratta solo del tempo», ha detto. «Sono cose semplici come la posizione del caricabatterie e persino il peso del cavo. Abbiamo un sacco di conducenti donne di Leaf e in alcuni casi le tecnologie che usiamo oggi non sono molto amichevoli per loro».

Come sottolineato da Electrek, il commento di Espinosa più che avere a che fare con la condivisione di alcune sorprendenti scoperte fatte da Nissan e con i problemi di essere una donna al volante di veicoli elettrici (per quanto ovviamente ne abbia molta), sembra avere a che fare con l’ipocrisia della «soluzione» dell’azienda a questo problema inesistente: veicoli ibridi che non richiedono alcuna ricarica, ma che richiedono la combustione di combustibili fossili.

 

Questo articolo è stato letto 13 volte.

auto elettrica, difficoltà, donne, ricarica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net