carburante aereo

La spazzatura che fa volare

Condividi questo articolo:

carburante aereo

Presto sarà possibile trasformare i rifiuti alimentari in carburante per l’aviazione

Secondo un recente studio, gli avanzi di cibo potrebbero essere determinanti nella produzione di carburante sostenibile per l’aviazione.

I gas a effetto serra dell’industria aeronautica contribuiscono al 12% delle emissioni dei trasporti e sono destinati a continuare a crescere.

Si prevede che le emissioni del settore raddoppieranno i livelli pre-pandemia entro il 2050.

Pertanto, i ricercatori stanno lavorando alla ricerca di biocarburanti praticabili per i viaggi aerei a zero emissioni di carbonio.

Lo studio, pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences, è stato condotto da scienziati del National Renewable Energy Laboratory (NREL) in collaborazione con l’Università di Dayton, l’Oak Ridge National Laboratory e l’Università di Yale.

Secondo gli scienziati che lo hanno condotto, l’utilizzo di energia non sfruttata nei rifiuti alimentari per generare carburante sostenibile per l’aviazione oltre ad affrontare l’inquinamento causato dall’aviazione fornirà una via per affrontare anche un altro tipo di inquinamento, quello generato dai residui alimentari che finiscono nelle discariche e generano gas metano, uno dei gas serra più pericolosi.

I ricercatori hanno scoperto che questo biocarburante sostenibile comporta una diminuzione del 165% delle emissioni nette di carbonio rispetto al carburante standard, come spiega CleanTechica.

Alcune grandi compagnie aeree hanno già iniziato a investire in quest’idea, con la speranza di trovare una soluzione che possa essere ampiamente utilizzata. Southwest Airlines sta collaborando con NREL e altre organizzazioni in un progetto dimostrativo che si sta avvicinando alla fattibilità commerciale, grazie a ricerche scientifiche e pubblicazioni come questa.

Ovviamente ci vorrà ancora qualche tempo per ottenere tutte le approvazioni normative di cui il carburante ha bisogno per iniziare ad essere utilizzato, ma gli scienziati parlano di un orizzonte breve, di un paio di anni. Se hanno ragione, quindi i voli a zero emissioni di carbonio non sono così lontani.

 

Questo articolo è stato letto 26 volte.

aerei, carburante, carburante aerei, emissioni di carbonio, rifiuti alimentari, voli a zero emissioni di carbonio

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net