Vaticano: finanziere Mincione, ‘ecco la mia verità, c’è offerta palazzo Londra da 300 mln’ (4)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Alla domanda sul perché la Santa Sede abbia investito nei fondi lussemburghesi invece di comprare direttamente il palazzo, Mincione chiosa: “Perché non era tutto loro. Hanno ricevuto un’offerta non più di dieci giorni fa per 300 mln, su quel palazzo. L’hanno pagato 277: ci vanno a guadagnare 23 milioni”. Un buon affare? “Che cosa vuol dire un buon affare? C’è stata la Brexit, c’è stato il Covid e gli hanno offerto, durante il Covid, 300 mln. Secondo me forse non è un investimento rischioso, ma un investimento molto, molto resistente a tutto. O sbaglio?”.

Poi Mincione torna sulla narrazione mediatica del business londinese: “Da come è stata descritta, il palazzo, i misteri oscuri… è tutto vergognoso. L’unica parte non oscura è la mia. Intorno c’è stato di tutto, ma nessuno ne parla. In un libro si dice che sono scomparsi 800 mln in Africa, però nessuno parla di quei soldi scomparsi. Tutti parlano del palazzo che hanno comprato, hanno pagato, come tutte le cose, e, se lo vendono, incassano un po’ di più di quanto hanno pagato. Nonostante due grosse crisi per l’Inghilterra, come la Brexit e il Covid, due crisi non di poco conto”. Quanto a Torzi, Mincione spiega di non essere “suo socio”: è “una controparte, che io conosco. Lo conosco da un paio d’anni perché ha l’ufficio nella stessa piazza di fronte alla mia. Due italiani a Londra…mi sta anche simpatico, perché lui ha fatto solo quello che gli hanno chiesto gli altri. Lo hanno incaricato, gli hanno detto di comprare un palazzo, lui l’ha comprato. C’è la lettera di Pena Parra che gli dà tutti i poteri possibili per eseguire la transazione. Ha usato un avvocato di primo piano, io ne ho usato un altro di primo piano. Si sono incontrati, hanno parlato, hanno stilato un contratto di settanta pagine e poi dopo gli cambia la storia perché gli serve per i loro scopi politici? E’ vergognoso”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net