ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Quirinale: Siracusano (FI), 'con elezione diretta Berlusconi avrebbe stravinto'-Quirinale: Letta, 'ora nome condiviso e patto legislatura'-**Quirinale: Salvini, ora vediamo se sinistra continua con i no a tutto e tutti'**-Quirinale: Ruggieri (Fi), 'dispiaciuto da passo indietro Cav, centrodestra ora sia all'altezza'-Quirinale: Fornaro (Leu), 'adesso si lavori tutti a nome condiviso da larga maggioranza'-Quirinale: Conte, 'ritiro Berlusconi passo in avanti, ora confronto serio su profilo condiviso'-Quirinale: Marcucci (Pd), 'Berlusconi responsabile, ora lavoriamo a candidatura condivisa'-Quirinale: Verini (Pd), 'ora si lavori insieme, non c'è un diritto di prelazione'-Quirinale: Maraio (Psi), 'nome sia condiviso, non deciso da centrodestra'-Quirinale: Calenda, 'da Berlusconi scelta saggia, ora però basta veti e tatticismi'-Quirinale: Rotondi, 'non condivido decisione Berlusconi'-Quirinale: Scotto (Art.1), 'ritiro Berlusconi inevitabile, ma c.destra non ha prelazione'-Quirinale: fonti Nazareno, 'c.destra sta bloccando Paese con impossibile assalto al Colle'-**Quirinale: Napolitano 8 e Casini 6 i 'grandi elettori' veterani, record Andreotti a quota 12'**-**Quirinale: Napolitano 8 e Casini 6 i 'grandi elettori' veterani, record Andreotti a quota 12'** (3)-Covid: 9.131 nuovi casi in provincia di Milano, 4.439 a Brescia-Covid: in Lombardia 31.164 nuovi casi e 82 morti-Scuola: Affinita (Moige), 'al secondo contagio figli a casa anche se vaccinati, c'è paura'-Quirinale: portavoce Mattarella prepara scatoloni, 'fine settimana di lavori pesanti'-Shoah: coordinatrice nazionale P.Chigi e Google insieme contro fake news

Mafia: quando il pentito Siino raccontò la sua vita in un libro ‘Ecco come mediavo con i politici’

Condividi questo articolo:

Palermo, 26 nov. (Adnkronos) – “Sono e mi chiamo Angelo Siino, nato a San Giuseppe Jato il 22 marzo del 1944. Ho ripetuto queste generalità cento volte dinanzi ai Tribunali e alle Corti di tutt’Italia, fino a perderne il senso reale, il senso della mia vita”. Iniziava così il libro ‘Vita di un uomo di mondo, l’autobiofragia senza precedenti del più famoso pentito di mafia’ (Ponte alle Grazie) pubblicato nel 2017 dall’ex ‘ministro dei Lavori pubblici’ di Cosa nostra, morto in estate, come rivelato dall’Adnkronos. Nel libro ‘Bronson’, come veniva chiamato, ha raccontato la sua storia, il suo ruolo in Cosa nostra, fino a quando ha deciso di saltare il fosso. E’ stato per anni il braccio economico dei boss mafiosi, come Totò Riina. “Le cose andavano a questo modo – scriveva nel libro – I “politici”, che di volta in volta potevano essere sindaci o assessori comunali e regionali, bandivano le gare degli appalti di servizi, più spesso di opere pubbliche, di solito decise dopo una consultazione con gli altri sodali, di cui generalmente mi occupavo io; quindi, la mia mediazione si svolgeva con gli imprenditori designati e concordati con i capimafia locali. Come suole dirsi, rappresentavo l’ interfaccia”.

Un’ altra e più pesante imposizione di Totò Riina fu una “tassa” aggiuntiva dello 0,80% che era destinata a lui personalmente. () A parte la tassa subito denominata “tassa Riina”, le percentuali ufficiali pagate da chi otteneva l’ appalto erano il 2% per i “politici”, il 2% per la famiglia mafiosa territorialmente competente, la cosiddetta “messa a posto”, e lo 0,50 per i pubblici controllori”, raccontava ancora Siino.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net