ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ucraina, Zelensky: "Situazione Donbass estremamente difficile"-Camorra: sfuggì a cattura durante operazione, arrestato affiliato '167' Arzano-Pnrr: Gentiloni, 'partiti non frenino sulle riforme, senza il recovery si rischia la recessione'-Ucraina: Belgorod, russi schierano lanciatori missili Iskander-M-Ucraina: Donetsk e Luhansk, nove attacchi respinti, distrutti carri armati e un drone-Ucraina: Duda è in Ucraina, oggi terrà discorso alla Verkhovna Rada di Kiev-Milano: concerto Radio Italia, oltre 200 persone si sono rivolte al 118, ritracciata minorenne-Vaiolo delle scimmie, in Svizzera primo caso-Lione vince Champions League Donne, 3-1 al Barcellona in finale-Stella (Confindustria Nautica): "Proseguire in percorsi crescita e internazionalizzazione"-Nautica, a Convention Viareggio il punto sulla riforma del Demanio-Mbappe resta al Psg, rinnovo contratto record e 'comanderà' nel club-Stella (Confindustria Nautica): "Proseguire in percorsi crescita e internazionalizzazione"-Nautica, al Satec faro su transizione ecologica ed energetica-Ucraina, Cecchi (Confindustria Nautica): "Da sanzioni nessuna criticità al settore"-Superenalotto, numeri estrazione vincente oggi 21 maggio-Mbappe resta al Psg, rinnovo contratto record e 'comanderà' nel club-Salone del Libro, Aboca Edizioni punto di riferimento delle tematiche green-Ucraina: media russi, 'distrutto ponte che collega Severodonetsk e Lisichank'-**Ucraina: consigliere sindaco Mariupol, 'da oggi evacuazione città è impossibile'**

Giustizia: corte Appello Milano, ‘enorme aumento cause lavoro per stipendi bassi’

Condividi questo articolo:

Milano, 22 feb. (Adnkronos) – Se diminuiscono le controversie in materia di licenziamento, a seguito del cosiddetto ‘blocco’ intervenuto con l’emergenza Covid, la sezione Lavoro della corte d’Appello di Milano si ritrova a fare i conti con un “enorme aumento” delle dispute legate all’impugnazione delle clausole della contrattazione collettiva che stabiliscono valori minimi del salario. Chi si rivolge alla giustizia ritiene inadeguata la retribuzione.

“Si tratta – si legge nella relazione sull’amministrazione della giustizia nel Distretto della corte d’Apello di Milano, diffuso in occasione dell’anno giudiziario – di una variazione sul tema dell’indigenza, declinato dal punto di vista di chi è occupato regolarmente e stabilmente, ma valuta che la retribuzione percepita, pur se corrispondente ai minimi tabellari di alcuni contratti collettivi – in particolare nel settore dei servizi fiduciari – sia inferiore ai livelli di sufficienza del reddito, quali risultano dalle indicazioni dell’Istat sulla soglia di povertà”. Al giudice si chiede di determinare la “giusta” retribuzione riconosciuta in Costituzione, ossia ‘proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa’.

Questo articolo è stato letto 8 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net