E-commerce, packaging in carta e cartone sempre più green

Condividi questo articolo:

Roma, 27 gen. – (Adnkronos) – Monomateriale, personalizzato, di dimensioni sempre più ridotte e leggero. Il packaging in carta e cartone è sempre più sostenibile per rispondere alle esigenze dei consumatori indirizzati ormai verso acquisti rigorosamente ‘green’, forte anche di un’industria cartaria capace di raccogliere le nuove sfide rinnovandosi continuamente. A tracciare il quadro è la ricerca ‘I nuovi modelli di consumo e la riprogettazione del packaging: la scelta di materiali sostenibili nell’era dell’economia circolare’ presentata da Comieco, Consorzio nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica, e realizzata dall’Istituto di management della Scuola Superiore Sant’Anna.

In particolare, l’indagine, analizza le soluzioni industriali che la filiera cartaria sta mettendo a punto proprio per progettare e realizzare imballaggi che riescano allo stesso tempo a soddisfare esigenze di sostenibilità, innovazione e funzionalità con l’obiettivo di facilitarne la raccolta e il riciclo.

Lo studio parte da un’analisi del contesto legato ai consumi: la rete si conferma il ‘negozio’ preferito dalla maggior parte dei cittadini (nel periodo gennaio/settembre 2020 l’e-commerce è cresciuto del 29%) ma il 70% di chi compra online è disposto a spendere un po’ di più pur di garantirsi una spesa ‘green’ (fonte: Idealo 2019) e l’80% degli e-shopper predilige un imballaggio ecosostenibile perché trasmette l’impegno dell’azienda verso le tematiche ambientali (fonte: Comieco 2019).

Un futuro ‘sostenibile’ non può prescindere dal packaging a base cellulosica. Una delle frontiere di innovazione che lo studio esplora è l’utilizzo dei nuovi materiali per gli imballaggi, dove la carta e il cartone hanno un ruolo centrale: dai materiali bio-based di origine animale, a quelli di origine vegetale e alle bioplastiche fino ad arrivare ai nanomateriali, tra i quali spicca la nanocellulosa che ha proprietà uniche come la bassa densità, la grande resistenza, la leggerezza, la rigidità e il basso costo.

E non solo: è anche costituita da biomassa, è rinnovabile, biodegradabile e compostabile. I dati sulle potenzialità poi parlano chiaro: la domanda globale di nanocellulosa ha raggiunto le 13.870 tonnellate nel 2015 e stime di settore affermano che il valore del mercato globale, che nel 2015 era pari a 65 milioni di dollari, arriverà a 530 milioni di dollari nel 2021.

Questo articolo è stato letto 11 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net