ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Spazio, pronto al decollo il telescopio Ixpe della Nasa-**Leonardo: Profumo, ‘su Oto Melara faremo cose per bene come sempre’**-Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss-Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss (2)-Nuovo premio per gli Uffizi dalla prestigiosa rivista internazionale "Apollo Magazine"-Cinema: è morto Tommy Lane, cattivo di 'Agente 007 - Vivi e lascia morire'-dl Capienze: Camera, alle 13 voto fiducia, stasera via libera finale-Economist: è Tel Aviv la città più cara al mondo, a Roma il crollo più forte-Covid: Brasile, individuati due casi di Omicron, i primi in America Latina-Droga: sgominata piazza di spaccio a Palermo, 12 arresti-**Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Con candidato bandiera governo cade giorno dopo'**-Quirinale: Letta, 'spero eletto da larga maggioranza, anche da opposizione'-**Eutanasia: Letta, 'lancio appello a tutte forze politiche, no a battaglia ideologica'**-Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Non è candidatura che possa essere votata da Pd'-Quirinale: Letta, 'non può che essere a larga maggioranza o cade governo'-Centrosinistra: Letta, 'c'è anche Renzi? Parliamo a elettori'-Pd: Letta, 'primo partito? Guardo sondaggi con distacco, tanti gli indecisi'-Centrosinistra: Letta, 'no a coalizione di sigle ma di cittadini, Agorà servono a questo'-Sparatoria in una scuola del Michigan, 15enne uccide 3 studenti-Cannabis: Letta, 'voglio portare Pd su posizione comune'

Consulta, Corte: “Sanatoria regionale dighe illegittima, violano autorizzazione paesaggistica”

Condividi questo articolo:

Roma, 28 ott. (Adnkronos) – La disciplina delle opere di sbarramento idrico – come le dighe, gli impianti a fini antincendio e per l’innevamento artificiale delle piste da sci – assegnate alle Regioni in base alla loro dimensione, non può prevedere la sanatoria di opere che siano state realizzate in mancanza dell’autorizzazione paesaggistica o in difformità dalla stessa. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza n. 201, depositata oggi (redattore Augusto Antonio Barbera).

La pronuncia, pur ribadendo la competenza delle Regioni in materia di opere di sbarramento idrico di minori dimensioni, con riferimento sia alla loro costruzione che alla vigilanza delle stesse, dichiara l’incostituzionalità – tra gli altri – dell’articolo 11 della legge veneta n. 23/2020. Si tratta della disposizione con cui la regione Veneto aveva consentito ai proprietari o ai gestori di dighe precedentemente «non denunciate» o «realizzate in difformità dai progetti approvati» di regolarizzarle.

La Corte ha ritenuto che questa previsione contrasti con la tutela dell’ambiente perché l’ampio e indistinto riferimento alle opere abusive che essa contiene è idoneo a farvi rientrare anche quelle realizzate in assenza o in violazione dell’autorizzazione paesaggistica, delle quali, quindi, finisce per consentire una ‘sanatoria’. Ma la regolarizzazione delle opere sotto il profilo paesaggistico – ha spiegato la Corte – concerne la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, ed è perciò riservata alla competenza del legislatore statale, che l’ha consentita nelle sole e tassative ipotesi previste dal codice dei beni culturali. L’ampliamento di tali ipotesi ad opera della regione Veneto costituisce, pertanto, violazione di un istituto di protezione ambientale uniforme, valido in tutto il territorio nazionale.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net