Caso Regeni: Ungaro (Iv), ‘da Procura egiziana insulto a memoria ricercatore’

Condividi questo articolo:

Roma, 16 giu. (Adnkronos) – “La Procura generale egiziana con un comunicato ha annunciato che per il momento non c’è alcuna ragione per intraprendere procedure penali circa l’uccisione, il sequestro e la tortura della vittima Giulio Regeni, in quanto il responsabile resta sconosciuto. Una dichiarazione inaccettabile e menzognera, che insulta la memoria del giovane ricercatore torturato e ucciso nel 2016. Non ci faremo prendere in giro dalle autorità egiziane e non ci stancheremo mai di chiedere la verità per Giulio Regeni”. Così Massimo Ungaro, deputato di Italia viva e segretario della commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net