ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"
energia rifiuti frutta

Rifiuti organici che diventano magazzini di energia

Condividi questo articolo:

energia rifiuti frutta

I ricercatori trovano un modo per convertire gli scarti di due frutti asiatici e farli diventare supercondensatori.

Il durian e il jackfruit (dalla pianta Artocapus heterophyllus) sono due frutti asiatici molto particolari: il primo soprattutto è molto noto per la sua puzza incredibile, che pare ricordi le uova marce e che fa sì che i paesi del sud est asiatico che lo consumano in grandi quantità abbiano delle leggi che impediscono che sia aperto sugli autobus.

Un nuovo studio dell’Università di Sydney, pubblicato sul Journal of Energy Storage, si è concentrato proprio sul riciclaggio degli scarti del durian per trovare una fonte economica e sostenibile di stoccaggio dell’energia che potesse contrastare il riscaldamento globale.

E così hanno scoperto un modo per creare supercondensatori dal durian e dal cugino jackfruit.

Come hanno spiegato i ricercatori, i supercondensatori sono in grado di immagazzinare rapidamente grandi quantità di energia all’interno di un piccolo dispositivo delle dimensioni di una batteria – energia che poi può essere usata per caricare dispositivi elettronici, come telefoni cellulari, tablet e laptop, in pochi secondi.

Incredibile pensare che questi supercondensatori possano essere creati a partire da rifiuti puzzolenti come quelli di questi due frutti asiatici.

Quello che accade è che la biomassa di scarto di durian e jackfruit viene convertita in un aerogel di carbonio usando metodi non tossici.

Questo aerogel viene a sua volta convertito in elettrodi testati per le loro proprietà di accumulo di energia che hanno dimostrato prestazioni eccezionali, rendendo i frutti una soluzione energetica davvero interessante per la ricarica di telefoni, laptop e tablet a basso costo e in maniera green.

Rispetto a ciò che si trova attualmente sul mercato, gli elettrodi sviluppati a partire da durian e jackfruit hanno dimostrato di essere un’alternativa più efficiente dal punto di vista energetico, rispetto ai tradizionali supercondensatori derivati dal carbone attivo.

Questo articolo è stato letto 156 volte.

durian, elettrodi, energia, jackfruit, rifiuti organici, supercondensatori

Comments (3)

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net