Rinnovabili, la rivoluzione di Free: no incentivi, si sconti fiscali

Condividi questo articolo:

Non piu’ incentivi per le rinnovabili, ma una vera e propria rivoluzione del sistema con detrazioni fiscali, a onere zero per lo Stato, sulla costruzione degli impianti

 

“Ieri in occasione dell’audizione della X Commissione del Senato non siamo andati a chiedere ulteriori incentivi per le rinnovabili, ma a proporre un percorso che, se fatto proprio da Governo e Parlamento, alla fine ridurrà di circa 1 miliardo di Euro l’onere sulle bollette elettriche. Questo, principalmente mediante detrazioni fiscali, studiate in modo che la ricchezza prodotta dai nuovi impianti restituisca fiscalmente allo Stato i mancati introiti per la defiscalizzazione” . Lo dichiara Gb Zorzoli, portavoce del Coordinamento Free, Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica, che raggruppa 24 associazioni del settore.

Nel documento che Free ha illustrato presso la X Commissione del Senato si racchiudono le proposte per ridurre il costo delle bollette elettriche: riduzione degli incentivi in cambio di interventi di detrazioni fiscali nella costruzione di nuovi impianti ad onere nullo per il bilancio pubblico; modifica del sistema di tariffa bioraria; la fine anticipata del regime Cip 6; la fine dei sussidi agli impianti ad olio combustibile; una rimodulazione degli aiuti alle imprese energivore; una revisione degli oneri fiscali che consenta di diminuire il costo per i consumatori.

 

Questo articolo è stato letto 7 volte.

Free, incentivi alle rinnovabili, rinnovabili, Zorzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net