ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: D'Incà, 'ora coesione, nessuno cavalchi protesta'-Coronavirus: Conte, 'nessuna attività più importante di altre, no categorie serie B'-Di Battista: "Governo concentrato su pandemia, d’accordo su rinvio Stati generali"-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (2)-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (3)-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (5)-Coronavirus: Conte, 'ridurre socialità per tenere sotto controllo curva contagi'-Coronavirus, oltre 2mila spettatori per 'Tosca' in streaming dal 'Del Monaco' di Treviso-Covid, Q8 consegna tablet e notebook a scuole Napoli Est-Acea: Gola, 'possiamo svolgere ruolo attivo importante in uso Recovery per infrastrutture'-M5S: Di Battista, 'governo concentrato su pandemia, d’accordo su rinvio Stati generali'-Consumi energetici, italiani attenti alla sostenibilità-Coronavirus: Marcucci, 'capienza mezzi pubblici al 50% come in Toscana'-Acea: Gola, 'manteniamo politica dividendi, in 2021 dividendo minimo di 0,80 euro'-Dl ristori: Conte, 'firmato Dpcm solo con risorse certe per categorie colpite'-Acea: Gola, 'puntiamo nel 2024 a 1,6 mln di clienti nell'elettricità e gas'-Acea: Gola, 'nuovi target di sostenibilità più sfidanti, in piano 2,1 mld di investimenti'-Coronavirus: Delrio, 'con Sure avanti perché nessun resti senza lavoro'-Coronavirus: Cangini, 'lockdown omeopatico, a piccole dosi'-Acea: Gola, 'pronti a cogliere opportunità in settore idrico'

Rinnovabili: ecco come produrre energia pulita nelle aree abbandonate

Condividi questo articolo:

Il progetto europeo M2RES, intende promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili nelle aree marginali

Produrre energia pulita grazie allo sviluppo delle fonti rinnovabili nelle aree marginali. E’ questo in sintesi, l’obiettivo del progetto europeo ‘M2RES’ (From Marginal to Renewable Energy Source Sites), che mira alla valorizzazione energetica di terreni marginali come aree industriali dismesse, cave abbandonate, ex-aree militari e discariche di rifiuti.

Il progetto, coordinato dall’ENEA e cofinanziato dall’Ue nell’ambito del programma ‘South East Europe’, ha visto la partecipazione di ben sette Paesi dell’Unione Europea (Italia, Slovenia, Grecia, Romania, Bulgaria, Ungheria e Austria), insieme alla Serbia, Albania e Montenegro. In particolare, sono stati recentemente presentati durante una conferenza internazionale a Bucarest, gli strumenti, le buone pratiche e i casi pilota attraverso cui è stato possibile generare un ritorno economico ed un beneficio ambientale derivato dallo sviluppo delle rinnovabili nelle aree marginali.

Un progetto dimostrativo, ad esempio, è stato portato aventi in Italia, in Emilia Romagna e Veneto, dove oltre a degli studi specifici di fattibilità sono stati utilizzati strumenti operativi a supporto della pianificazione territoriale ed energetica dei siti ‘abbandonati’. Per maggiori informazioni è possibile fare riferimento a questo sito.

(ml)

Questo articolo è stato letto 2 volte.

energia, energia pulita, produrre, produrre energia, progetto, rinnovabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net