Stop alla cancellazione della seconda rata Imu. Ecco perche’

Condividi questo articolo:

Stop alla cancellazione della seconda rata dell’Imu, manca una parte della copertura derivante dai terreni agricoli e manca ok di Bce per rivalutazione quote Bankitalia

 

Cancellazione della seconda rata dell’Imu rinviata nel Consiglio dei Ministri di oggi. Non è stato ancora possibile cancellare la seconda rata dell’Imu a causa di più ragioni.

La prima è che si attende un “ok” formale dalla Bce per la rivalutazione delle quote di Bankitalia che sono possedute dalle banche italiane; in secondo luogo lo stop alla cancellazione della seconda rata dell’Imu è stato dovuto alla mancanza di risorse, per l’equivalente di 400 milioni di euro, derivante dal mancato gettito della rata sui terreni agricoli. A favore di questa ipotesi si è schierata il Ministro dell’agricoltura, Nunzia De Girolamo. Anche le associazioni di categoria si sono fatte sentire, tra queste la Coldiretti che ha richiamato il Governo a tenere fede all’impegno di cancellare l’Imu anche per i terreni agricoli, come promesso nei mesi scorsi.

Il rinvio della cancellazione della seconda rata dell’Imu va di pari passo anche con un piano di privatizzazioni che coinvolgerà la Cassa Depositi e Prestiti, come ha avuto modo di confermare il numero uno di Via Goito, Franco Bassanini. Potrebbero essere coinvolte in questo piano di privatizzazioni Eni, Enel, Finmeccanica, Cdp Reti, Terna e Poste per citare le principali aziende dove lo Stato è presente.

Questo articolo è stato letto 3 volte.

cancellazione seconda rata Imu, Imu, seconda rata Imu, terreni agricoli e Imu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net