Edilizia sostenibile: la scuola green che raccoglie l’acqua piovana dal tetto

Condividi questo articolo:

La scuola green Beneden School fa parte del progetto Eco Classroom, che punta a realizzare nuovi spazi didattici per gli studenti del Regno Unito, completamente ecosostenibili ed autosufficienti

Una scuola green che raccoglie l’acqua piovana dal tetto e la rende potabile. Stiamo parlando del progetto ‘Eco Classroom’, che punta a realizzare nuovi spazi didattici per gli studenti del Regno Unito, completamente ecosostenibili ed autosufficienti. 

Si tratta, in  pratica, di un modello di scuola ecologica non collegata alla rete elettrica, che immagazzina l’energia necessaria grazie all’impiego dei pannelli solari. Attraverso il progetto ‘Eco Classroom’, è stato possibile, ad esempio, realizzare la struttura green ‘Beneden School’, realizzata nella contea inglese del Kent, all’interno di un bosco secolare.

Questa nuova ‘eco scuola’, rappresenta uno dei gioielli tra gli edifici autosufficienti del Regno Unito. Secondo i suoi progettisti, si tratta della prima scuola britannica in grado di trasformare la pioggia in acqua potabile calda o fredda, attraverso un tetto verde (che funge da bacino di raccolta) e all’energia solare dei pannelli fotovoltaici. Per purificare e filtrare l’acqua piovana, in particolare, sono stati impiegati degli speciali sistemi ad osmosi inversa e dei trattamenti UV. 

La scuola ‘Beneden School’, costruita con legname certificato ‘FSC’, è inoltre dotata di bagni ecologici, che consentono il compostaggio e le sue classi, prevedono dei corsi di formazione improntati alla sostenibilità e al rispetto per l’ambiente. Per maggiori informazioni è possibile consultare questo sito.

(ml)

Questo articolo è stato letto 7 volte.

acqua, energia, Pioggia, progetto, scuola, tetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net