Maltempo: arriva Medusa, con temporali e freddo polare

Condividi questo articolo:

Arriva sull’Italia una nuova ondata di maltempo, con forti temporali e aria fredda che si abbatteranno inizialmente sulle regioni del Nord, per poi spostarsi verso il Meridione

Una nuova ondata di maltempo e’ pronta ad abbattersi sull’Italia portando piogge e etemporali a partire da oggi e un clima decisamente invernale, sopratutto al Nord, nel fine settimana.Secondo le previsioni di Antonio Sanò direttore del portale www.iLMeteo.it, il tempo peggiorerà prima nelle regioni del nordovest con piogge che dalla Liguria si sposteranno verso il Piemonte e la Lombardia. E’ in arrivo, infatti, il ciclone Medusa, una perturbazione atlantica alimentata da due masse d’aria estremamente eterogenee, ovvero aria fredda in discesa da latitudini artiche e aria calda proveniente dall’entroterra tunisino.

Il maltempo e le forti piogge deriveranno proprio dall’incontro tra queste due masse d’aria eterogenee. Sulle regioni della penisola si abbatterà, a partire da oggi, una severa fase di maltempo che mercoledì troverà il suo apice, quando i temporali dal centronord e dalla Sardegna investiranno tutte le regioni.

I temporali e le forti piogge si abbatteranno, in particolare, su 7 regioni: Liguria, Piemonte, Veneto, Friuli, Toscana, Lazio e Campania. La neve  cadrà, inizialmente, a 1400 metri, poi scenderà a quota 1000 metri sulle Alpi, e lo scirocco favorirà l’acqua alta a Venezia, anche importante di ben 130-140 cm mercoledì mattina.

Il maltempo imperverserà anche al centrosud per qualche giorno. Lunedì 3 dicembre è atteso uno scenario invernale sull’Italia, a causa dall’arrivo di aria artica.

(gc)

Questo articolo è stato letto 6 volte.

arrivo inverno, Maltempo, maltempo weekend, Medusa, ondata maltempo, piogge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net