ULTIMA ORA:

Il calamaro viola con gli occhi fuori dalle orbite

Condividi questo articolo:

Gli scienziati marini catturano le immagini di un questo animaletto buffo e stravagante che hanno fatto il giro del web

Come si può immaginare, le oscure profondità dell’oceano nascondono un sacco di sorprese, strane meduse, cavallucci marini trasformati in predatori mortali, calamari giganti e chissà cos’altro di folle e pericoloso.

Naturalmente, insieme a questo, si possono anche trovare alcune curiosità adorabili, come quella che hanno scovato gli scienziati della Exploration Vessel Nautilus, una nave high-tech per la ricerca tramite immersione, lunga 62 metri, che, mentre erano al largo della costa della California si sono imbattuti in una creatura molto stravagante, alloggiata sul fondo marino a 900 metri di profondità.

Nel video  si sente il team di ricerca fare dell’ironia, pensando che quel calamaro viola dagli occhi giganti, praticamente fuori dalle orbite, è sicuramente un giocattolo di un bambino che è caduto ed è arrivato fino alle profondità marine. Ma in realtà, non è così.

Si tratta di una Rossia Pacifica, un incrocio tra un polipo e un calamaro, con uno stretto legame anche con le seppie: nel momento in cui è stato ripreso, anche se sembra così innocuo e tenero, è in agguato per la cattura di prede.

Questa specie trascorre la sua vita sul fondo del mare, attivando una copertura di muco appiccicoso per proteggersi e scavando nel sedimento marino per camuffarsi: gli occhi restano fuori per individuare prede come gamberi e piccoli pesci.

Si trova nel Pacifico del Nord, dal Giappone alla California del sud – viene visto fino a 300 m di profondità, ma tutti gli esemplari sono stati individuati a profondità di 1000 m. Una bella scoperta, insomma! 

Questo articolo è stato letto 188 volte.

Rossia pacifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net