È vero che il calamaro gigante potrebbe essere più lungo di uno scuolabus?

Condividi questo articolo:

Il calamaro gigante è una specie mitica sulla quale abbondano speculazioni e dibattiti: stabilire i termini di grandezza dell’Architeuthis rimane ad oggi molto difficile

Il più grande calamaro mai trovato, secondo il National Geographic, misurava 18 metri e pesava quasi una tonnellata. Si tratta di un animale sfuggente e dalla natura misteriosa, che abita nelle profondità oceaniche, solca gli abissi marini: una creatura mitica, insomma. 

Per questo gli scienziati sono sempre alla ricerca di informazioni e ritrovamenti che gli possano permettere di saperne di più ma, a parte gli avvistamenti o qualche carcassa che rimane impigliata nelle reti dei pescatori, gli scienziati si trovano a dover speculare e stimare su questa specie, entrando molto spesso in contrasto tra di loro.
Charles Paxton, un ecologista statistico presso la University of St. Andrews, in Scozia, ha portato avanti uno studio che, a partire dai dati raccolti nell’ultimo secolo – variazioni tra i 19 e i 90 piedi di lunghezza, ovvero tra più di 5 e più di 27 metri –, stimava un range di grandezza per queste creature. Quello che Paxton ha annunciato al termine di questa ricerca è che, secondo lui, gli Architeuthis starebbero sui 20 metri di lunghezza – per capire, più di uno scuolabus, che di solito ne misura 13.
Anche se non ci sono prove che smentiscono la sua tesi, non ci sono nemmeno prove che la sostengono, quindi sono in molti a non credergli. Se vogliamo avere fiducia, quello che dobbiamo sperare è che prima o poi qualcuno riuscirà ad avvistare uno di questi «mostri marini», come è successo con l’esemplare vivo e vegeto di 4 metri filmato in Giappone, alla fine dello scorso anno.

Questo articolo è stato letto 35 volte.

calamaro, Calamaro gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net