ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Federdistribuzione: 'Evitare impatto inflazione sui consumi'-**Sanremo: Pooh, 'Blanco? Noi i fiori li abbiamo sempre regalati a mogli, amiche, a volte amanti'**-Calcio: Juventus, nessuna frattura alla caviglia per Miretti-Governo: Meloni oggi riceve Presidente somalo, domani al Consiglio Ue-Tatarella: Foti, 'insegnamento Pinuccio più che mai attuale'-Digitale, boom di transazioni contactless, sono il 78,1% del totale-Foibe: Fontana, 'una delle pagine più buie e orribili della storia'-Calcio: Croazia in lutto, morto l'ex ct Miroslav Blazevic-Foibe: Fontana, 'per anni colpevole silenzio, scuse a coloro che hanno sofferto'-Scherma: Cdm, ricco fine settimana di gare per gli azzurri con cinque armi impegnate-Calcio: Santalucia (Anm), 'Santoriello non è un giudice, non può essere tecnicamente ricusato'-Regionali: Ciani, 'votiamo alle 11 come articolo Costituzione che ripudia guerra'-Regionali: Salvini, 'vittoria centrodestra voto conferma a Governo'-Carburanti: Salvini, 'interverremo su accise con benzina sopra due euro'-Ucraina: a Londra Zelensky vedrà anche i vertici della Difesa e della sicurezza-Scuola: Salvini, 'credo a smentita Fazzolari ma in aula portiamo libri non pistole'-Anarchici: Salvini, 'conto che vicenda Donzelli-Delmastro sia finita lì'-Governo: terminata riunione Cipess, a breve conferenza stampa-Sanremo: Salvini, 'non l'ho visto e non ascolterò lettera Zelensky, bene che non ci sia'-Sanremo: Salvini, 'Mattarella ha diritto di svagarsi, Costituzione non va difesa lì'

Una pillola che rallenta lo sviluppo dell’Alzheimer?

Condividi questo articolo:

 

Nuove scoperte nella ricerca contro l’Alzheimer: una cura preventiva?

 

 

 

Non può essere curato del tutto ma almeno sarà possibile rallentare il processo degenerativo. Alcuni esperti dell’Università di Cambridge hanno scoperto la chiave per rallentare sviluppo dell’Alzheimer: si tratta di una molecola di origine naturale capace di bloccarela formazione nel cervello di placche amiloidi, responsabili della malattia.

 

 

Gli esperti ora puntano alla realizzazione di una pillola che possa essere una cura da seguire per tutti coloro che soffrono della malattia. La molecola, appartenente ad una famiglia di proteine che si trovano nei polmoni, non può essere utilizzata per la creazione di pillole dal momento che non resisterebbe al processo digestivo.

 

 

Nonostante la soluzione non sia immediata, però, questo è già un buon punto di partenza per trovare una medicina. ‘Le persone potrebbero cominciare ad assumere il farmaco intorno ai 60 anni, molto prima che compaiano i primi segni cosi’ da ridurre il rischio di sviluppare gli effetti devastanti della malattia’, ha affermato uno degli autori della ricerca, il dottor Samuel Cohen. Solo in Gran Bretagna i malati di Alzheimer sono 830.000. 

gc

 

Questo articolo è stato letto 17 volte.

Alzheimer, malattia, ritardare alzheimer, Università di Cambridge

Comments (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net