Fertilità a rischio: 7 possibili impedimenti

Condividi questo articolo:

 

Diventare mamma può essere difficile se ci scontriamo con questi fattori: conosciamoli per combatterli

La fertilità femminile cala con’l’età, ma anche durante il periodo fertile lo stile di vita e alcuni fattori possono influenzare le chance di avere un bimbo. Anche prima di raggiungere la menopausa la fertilità cala; è fisiologico, ma l’età non è l’unico fattore in gioco. Quindi per chi vuole diventare mamma è fondamentale fare attenzione a ciò che può mettere a rischio la fertilità:

Obesità

I chili di troppo possono inibire la produzione di ormoni e rendere più difficile la concezione. Le funzioni dello ovaie possono essere compromesse dall’obesità.

Magrezza eccessiva

Potrebbe significare che hai carenza di leptina, l’ormone che regola l’appetito.  Ciò può comportare anche la scomparsa del ciclo.

Agenti chimici 

L’inquinamento, come alcuni prodotti chimici contenuti dei cibi e negli oggetti di uso quotidiano possono compromettere la fertilità; ad esempio i pesticidi e gli ftalati.

Fumo

Il fumo danneggia gli ormoni e anche il DNA, sia negli uomini che nelle donne. Anche se si fumano poche sigarette al giorno.

Allattamento

Le donne che stanno allattando potrebbero avere meno chance di rimanere incinte.

Esercizio fisico intenso

Se fai troppo esercizio fisico la tua fertilità potrebbe risentirne. Ad esempio 5 ore di esercizio intenso alla settimana possono essere considerate ‘allenamento intenso’. Il primo ‘sintomo’ è una modifica o un accorciamento del ciclo mestruale. In questi casi è sempre bene consultare un medico.

Problemi alla tiroide

Se ci sono problemi alla tiroide anche l’ovulazione potrebbe risentirne. 

a.po

 

 

Questo articolo è stato letto 10 volte.

benessere, Diventare Mamma, fertilità, malattia, mamma, rischi, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net