estremismi online

Il libero arbitrio che ci difenderà dagli estremismi online

Condividi questo articolo:

estremismi online

Un nuovo studio mostra come proteggere le persone dall’adozione di punti di vista estremisti

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Social Influence dal ricercatore Douglas Wilbur e da un team di altri due ricercatori dell’Università del Missouri, mostra come si possono creare campagne di messaggi per proteggere le persone dall’adozione di punti di vista estremisti.

Secondo le conclusioni a cui è arrivata la ricerca, quando alle persone viene esplicitamente detto che sono libere di accettare o rifiutare affermazioni propagandistiche, la possibilità di operare una scelta, modera la visione dei fatti.

È stato questo il risultato di un’indagine che ha testato due strategie di contro-propaganda.

Prima, per combattere gli estremismi, si propendeva per l’inoculazione psicologica di tecniche per resistere ai messaggi negativi a cui si veniva fortemente esposti. Messe di fronte all’imposizione, le persone addestravano e costruivano la loro immunità psicologica per resistere ai tentativi di persuasione.

Con questo esempio negativo in mente, Wilbur ha testato due strategie di contro-propaganda per aumentare la resistenza delle persone alla propaganda estremista. Uno è basato sulla teoria dell’autodeterminazione, che sostiene che le persone sono curiose, attive e in cerca di cose positive fintanto che i loro bisogni psicologici sono soddisfatti e gli viene lasciato il libero arbitrio e il controllo sulle proprie azioni. L’altra strategia testata, invece, si basa sulla teoria della reattanza psicologica che presuppone che le persone abbiano forti reazioni negative quando sentono che la loro libertà è minacciata.

Wilbur ha reclutato quasi 400 partecipanti online e ha detto loro che avrebbero letto messaggi estremisti.

Gli intervistati sono stati assegnati in modo casuale a una condizione di controllo neutrale, a un approccio autodeterminativo e alla condizione di reattanza psicologica. Hanno quindi letto e valutato due messaggi estremisti anti-immigrati. Entrambe le strategie testate da Wilbur hanno prodotto un allontanamento dai messaggi estremisti rispetto alla condizione di controllo, indipendentemente dall’affiliazione politica.

Secondo Wilbur, se facciamo capire alle persone di avere autonomia e libertà di scelta, propenderanno per non cedere alle spinte propagandistiche. Dice il ricercatore che si potrebbe fare così per la campagna vaccinale contro il COVID-19.

 

 

Questo articolo è stato letto 21 volte.

estremismi online, estremisti, libero arbitrio, propaganda

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net