ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Scuola: Verona (Bti), 'i nostri bus per gli studenti, pronti oltre 24 mila mezzi sicuri'-Libri: al via 'Lettura Day', dal 23 aprile ogni giovedì fino a settembre-Libri: al via 'Lettura Day', dal 23 aprile ogni giovedì fino a settembre (2)-Libri: al via 'Lettura Day', dal 23 aprile ogni giovedì fino a settembre (3)-**Superlega: De Laurentiis smentisce contatti con JP Morgan, 'scorsa notte dormivo'**-**Superlega: Football Forum, 'calciatori non coinvolti, non devono subire conseguenze'**-Grillo: Fedeli (Pd), 'preoccupa silenzio Conte, da che parte sta?'-**Banche: Abi, a febbraio sofferenze nette -23,8% su anno a 20,1 mld**-Tv: Marta & Eva, sogni e amicizia fra ragazzi nella nuova serie su Rai Gulp (2)-Tv: Marta & Eva, sogni e amicizia fra ragazzi nella nuova serie su Rai Gulp (3)-Superlega, "pronti a partire a settembre"-Covid: Mazzeo, 'In Toscana calano ancora contagi e ricoveri'-Scuola, Artusa (Sistema Trasporti): "Governo neanche più ci risponde, voglio sapere perché"-Superlega: Almiento (Bocconi), 'serve salary cap o resterà progetto a metà' (2)-Libri: da Frassica ad Arbore, la libertà della satira raccontata dagli umoristi-Superlega: appello suor Paola, ‘fermatela, è porta in faccia a sogni giocatori’ (2)-Covid Toscana, oggi 644 contagi e 28 morti: bollettino 20 aprile-Grillo: De Petris, 'leader politico non diffonda stereotipi inaccettabili'-Grillo: Romani, 'da giustizialismo universale a garantismo individuale'-Omofobia: Gozi, 'assurdo che ddl Zan sia divisivo'
utenti cercano like

Gli utenti cercano like come i topi cercano il cibo

Condividi questo articolo:

utenti cercano like

Gli utenti che cercano like sui social utilizzano lo stesso schema mentale dei topi quando cercano il cibo

I ricercatori statunitensi ed europei hanno scoperto che gli sforzi degli utenti sui social per massimizzare i “mi piace” seguono il modello del cosiddetto “apprendimento della ricompensa” riscontrato anche negli animali che cercano ricompense alimentari.

Gli esperti stimano che piattaforme come Facebook, Twitter e Instagram abbiano occupato le attenzioni di oltre quattro miliardi di persone per più ore ogni giorno l’anno scorso.

Come sappiamo sono in molti a paragonare il coinvolgimento delle persone sui social come una sorta di dipendenza (molto interessante in questo senso, il documentario Netflix The social dilemma).

Questo però non giustifica tutto l’impegno che viene speso sulle piattaforme.

Lo studio, ha affermato l’autore e psicologo David Amodio della New York University in un comunicato stampa,  potrebbe anche “fornire indizi, presi in prestito dalla ricerca sull’apprendimento della ricompensa e la dipendenza, su come affrontare il preoccupante coinvolgimento online”.

Nel loro studio, il professor Amadio e colleghi hanno analizzato più di un milione di post sui social media di circa 4.000 utenti su Instagram e altre piattaforme.  Hanno scoperto che le persone tendono a distanziare i loro post in modo da massimizzare il numero medio di “mi piace” che ricevono e che, in particolare, tendono a pubblicare più frequentemente in risposta a un alto tasso di “mi piace” e meno frequentemente quando ricevono meno “mi piace”.

I modelli computazionali hanno rivelato che questo modello di pubblicazione correlato ai “mi piace” corrisponde, appunto, al cosiddetto “apprendimento della ricompensa“, un concetto della psicologia che propone che i comportamenti possono essere guidati e rafforzati dalla promessa di ricompense, che è quello che usano i ratti che cercano di aumentare le loro ricompense alimentari in una configurazione sperimentale nota come Skinner Box.

Siamo davvero finiti come i topi in gabbia?

I risultati completi dello studio saranno pubblicati sulla rivista Nature Communications.

Questo articolo è stato letto 11 volte.

Like, mi piace, social network, utenti a caccia di like

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net