ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: focolaio covid al Tottenham, Conte 'siamo un po' spaventati'-Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)-Covid oggi Germania, 69.601 contagi e 527 morti

Una nuova era di esplorazione nello spazio

Condividi questo articolo:

ESA lancia la sua prima missione per esplorare l’atmosfera di centinaia di pianeti del sistema solare

L’ Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha appena annunciato l’intenzione di lanciare quello che viene descritto come il primo telescopio spaziale al mondo dedicato allo studio delle atmosfere degli esopianeti. Si tratta di una missione quadriennale da circa 450 milioni di Euro che verrà lanciata con il razzo Ariane 6 nel 2028.

L’obiettivo è quello di creare un modello che colleghi tutto ciò che si è scoperto finora. Come ha spiegato l’Agenzia, infatti, abbiamo trovato migliaia di esopianeti con una vasta gamma di dimensioni, masse e orbite, ma non abbiamo ancora utilizzato queste caratteristiche per andare oltre, capire come la chimica del pianeta sia legata all’ambiente in cui si è formata, o se il tipo di stella ospite guidi la fisica e la chimica dell’evoluzione del pianeta.

L’ESA progetta di analizzare tutto, grazie a uno spettroscopio che esaminerà la luce che filtra attraverso l’atmosfera di un pianeta extrasolare mentre passa accanto alla sua stella ospite. Rivelando le impronte chimiche dei gas che avvolgono il corpo, Ariel potrebbero trovare segni di acqua in forma di vapore, metano e biossido di carbonio, e anche misurare composti metallici esotici: l’ESA afferma che tali scoperte potrebbero aiutare a collocare un esopianeta nel contesto dell’ambiente chimico di una stella ospite.

Nel comunicato stampa dell’ESA, è riportata una dichiarazione di Günther Hasinger, Director of Science dell’Agenzia, che dice che Ariel è un passo successivo logico nella scienza degli esopianeti, che ci permette di andare avanti su questioni scientifiche chiave riguardanti la loro formazione e la loro evoluzione e aiutandoci anche a capire qual è il posto della Terra nell’universo.

Questo articolo è stato letto 21 volte.

Esa, pianeti, sonda, spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net