insufficienza cardiaca

Insufficienza cardiaca e Covid-19

Condividi questo articolo:

insufficienza cardiaca

Secondo un nuovo studio, l’insufficienza cardiaca (quasi) raddoppia il rischio di morte per Covid

I pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca acuta possono avere quasi il doppio delle probabilità di morire se vengono contagiati dal COVID-19, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista ESC Heart Failure.

“I nostri risultati supportano la priorità dei pazienti con scompenso cardiaco per la vaccinazione COVID-19 una volta che sarà disponibile”, ha detto in un comunicato stampa il ricercatore Dr. Amardeep Dastidar, un cardiologo interventista consulente presso il North Bristol NHS Trust e il Bristol Heart Institute in Inghilterra.

“Nel frattempo, i pazienti con scompenso cardiaco di tutte le età dovrebbero essere considerati un gruppo ad alto rischio e dovrebbero essere invitati a mantenere le distanze sociali e indossare una mascherina per prevenire l’infezione”.

L’insufficienza cardiaca è il progressivo indebolimento della capacità del cuore di pompare il sangue e può causare dispnea, gonfiore alle caviglie e affaticamento.

Il peggioramento improvviso e grave dei sintomi è un’emergenza medica che richiede il ricovero in ospedale.

In un’analisi che ha incluso 283 pazienti ricoverati in un singolo ospedale con insufficienza cardiaca acuta, i ricercatori hanno riscontrato un calo sostanziale ma statisticamente insignificante dei ricoveri per insufficienza cardiaca acuta durante la pandemia.

“Questa scoperta potrebbe riflettere le preoccupazioni del pubblico circa l’allontanamento sociale all’inizio del blocco nazionale, la segnalazione ritardata dei sintomi e l’ansia per quanto riguarda la frequenza ospedaliera”, ha detto Dastidar nel comunicato stampa. “A sostegno di queste spiegazioni, i nostri dati dimostrano un aumento dei rinvii durante le ultime settimane di blocco in linea con i resoconti dei media britannici che incoraggiano i pazienti a consultare un medico se necessario”.

Il numero di decessi di pazienti con insufficienza cardiaca acuta è quasi raddoppiato durante la pandemia.

Secondo i ricercatori, circa l’11% dei pazienti nel gruppo prima del COVID è morto entro 30 giorni, rispetto al 21% del gruppo dopo il COVID.

 

Questo articolo è stato letto 47 volte.

coronavirus, COVID19, insufficienza cardiaca, pazienti covid19 con insufficienza cardiaca, rischio più elevato di morte

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net