ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Tim: tre anni al timone del gruppo, chi è Luigi Gubitosi /scheda-Tim: Cda avvia le attività per esame manifestazione interesse non vincolante Kkr-Petrolio: a New York chiude in forte calo di 10 dlr, si colloca a 68,15 dollari-Ue: Turco (M5S), 'via vetusti vincoli contabili'-Ue: Turco (M5S), 'via vetusti vincoli contabili' (2)-Violenza su donne: Crippa, 'sport modello per combatterla'-Pd: Letta nomina coordinatore per Congresso regionale Marche-Pd: Letta nomina Borghi commissario per congressi in Sardegna-Mafia: quando il pentito Siino raccontò la sua vita in un libro 'Ecco come mediavo con i politici'-Mafia: quando il pentito Siino raccontò la sua vita in un libro 'Ecco come mediavo con i politici' (2)-Mafia: quando il pentito Siino raccontò la sua vita in un libro 'Ecco come mediavo con i politici' (3)-Italia-Francia: Tajani, 'dobbiamo essere protagonisti, applicare bene Trattato' (2)-Italia-Francia: Tajani, 'dobbiamo essere protagonisti, applicare bene Trattato'-Fisco: Tajani, 'riforma primo passo, avanti con riduzione pressione'-Tim: Salvini, 'bene abbandono Gubitosi, non poteva andare avanti'-Iv: Bindi, 'conferenze Renzi incompatibili con ruolo senatore e non so perché lo paghino'-Ciro Grillo e gli amici a processo, la ragazza 'Ricomincio a respirare'-Caso Grillo: Ciro e amici a processo, la ragazza 'Finalmente ricomincio a respirare'/Adnkronos (2)-Pd: Bindi, 'Letta sta facendo abbastanza bene ma partito va messo in discussione'-Quirinale: Bindi, 'profilo Berlusconi non adeguato'
demenza e alcohol

Abuso di alcol e demenza qual è la relazione?

Condividi questo articolo:

demenza e alcohol

La risposta da uno studio dell’University College di Londra

Un team di medici dell’University College di Londra ha scoperto che coloro che bevono fino al punto di perdere conoscenza sviluppano malattie neurodegenerative più del doppio di quelli che non bevono.

Lo studio, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open, è stato imponente rispetto a esperimenti simili.

Gli scienziati hanno intervistato 131.415 partecipanti e li hanno seguiti per più di un decennio dopo, riuscendo ad avere una visione più chiara del legame esistente tra consumo di alcol e malattie neurologiche.

È interessante notare che l’aumento rilevato del rischio non dipendeva tanto da fattori come il numero di drink che un partecipante beveva a settimana, criterio spesso usato per distinguere tra bevitori moderati e forti.

I forti bevitori, infatti, avevano 1,2 volte il rischio di sviluppare la demenza rispetto ai bevitori moderati, ma il maggiore aumento del rischio di sviluppare demenza, ovvero più del doppio, era tra i bevitori sia forti che moderati che bevevano fino a svenire.

Lo studio infatti non vuole dimostrare che il consumo eccessivo di alcol provochi la demenza di per sé, poiché è possibile che alcune persone con malattie neurodegenerative abbiano iniziato a bere più pesantemente o che siano diventate più suscettibili allo svenimento.

Ma in entrambi i casi, ha implicazioni preoccupanti per coloro che bevono troppo.

Anche se i dati non sono perfetti – perché molti partecipanti potrebbero aver fornito informazioni fuorvianti, visto che per molti lo “svenimento” è addormentarsi a seguito di un’eccessiva assunzione di alcol – rimane che questo nuovo studio è in linea con esperimenti simili ma molto più piccoli che hanno avuto come risultato lo stesso legame tra svenimenti e demenza, quindi è il caso di fare una riflessione e di non ridursi a quella condizioni – fosse anche solo per un eccesso di prudenza.

 

Questo articolo è stato letto 77 volte.

alcohol, alcol, alcolici, demenza, malattie degenerative, svenimento da alcol

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net