La disidratazione fa male al cervello

Condividi questo articolo:

Secondo la scienza, la disidratazione potrebbe impedire il compimento di alcuni compiti quotidiani

Sapevi che la disidratazione può causare cambiamenti non solo fisici ma anche mentali, all’interno del nostro corpo?

I ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno scoperto che la disidratazione porta una parte del cervello a gonfiarsi e influisce, di conseguenza, sulla funzione cognitiva, ovviamente in maniera negativa.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Psychological Reports, si focalizzava sugli effetti della disidratazione nel corpo umano, associandolo al calore e all’attività fisica.

La disidratazione è tecnicamente una carenza di acqua nel corpo e si verifica nel momento in cui la perdita di liquidi è maggiore dell’introduzione. Contribuiscono alla perdita di liquidi le normali funzioni del corpo, come urinare, sudare, piangere e persino respirare. I sintomi della disidratazione comprendono alitosi, pelle secca, mal di testa, aumento della sete, secchezza delle fauci e vertigini.

Mindy Millard-Stafford, principale ricercatore dello studio e professore alla Georgia Tech’s School of Biological Sciences, ha voluto scoprire se l’esercizio e lo stress da calore hanno un impatto sulla funzione cognitiva e studiare l’effetto della disidratazione sul cervello.

Per lo studio, i ricercatori capitanati da Millard-Stafford hanno osservato 13 partecipanti volontari. Questi sono stati sottoposti a compiti ripetitivi monotoni, come premere un pulsante ogni volta che un quadratino giallo appariva su un monitor. Il quadrato giallo appariva a intermittenza, passando da intervalli regolari a intervalli casuali.

I ricercatori hanno fatto ripetere ai soggetti questo compito in tre diverse occasioni: da idratati e rilassati, dopo uno sforzo e dopo l’esposizione al calore, con conseguente disitratazione. Hanno misurato così il declino cognitivo dato dalla disitratazione: il solo sforzo fisico e il calore hanno avuto un impatto negativo sulle prestazioni dei soggetti nel test. Tuttavia, con la perdita di fluido, l’effetto è stato raddoppiato.

 

Questo articolo è stato letto 4 volte.

cervello, disidratazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net