ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**M5S: Grillo vede senatori, è momento Conte, voglio rafforzarlo, non indebolirlo'**-M5S: Grillo, 'con Conte lavoro straordinario, Statuto ci sopravviverà'-Federica Pellegrini, svelato all'Aquaniene murale 'Dimensione Divina'-Variante Delta, Rasi: "Colpisce di più under 30, vaccinare giovani"-Recovery: Fedriga, 'Pnrr occasione storica soprattutto per giovani'-**Omofobia: per Pd testo in aula così com'è, ma rumors su franchi tiratori tra dem e in Iv** (2)-Lavoro: Provenzano, 'in epoca algoritmo servono diritti'-Lavoro: Provenzano, 'in epoca algoritmo servono diritti' (2)-Covid: Mattarella, 'pandemia non sconfitta, avanti con riforme per ripresa economica' (3)-Covid oggi Veneto, 35 contagi: bollettino 24 giugno-Nuoto: Paltrinieri, 'la mia è una mentalità da guerriero, supererò avversità'-Covid: Mattarella, 'pandemia non sconfitta, avanti con riforme per ripresa economica'-Covid: Mattarella, 'pandemia non sconfitta, avanti con riforme per ripresa economica' (2)-Recovery: Mattarella, 'Pnrr sfida per superare nodi strutturali, serve collaborazione istituzioni' (2)-Ue: Mattarella, 'con successo Recovery nuovo Patto Stabilità per crescita con eurobond'-M5s: Grillo, 'Cingolani? se continua cosi' e' un bagno di sangue'-Lavoro: Yonder-Workday, durante pandemia per metà giovani scarsa motivazione-Inpgi: Macelloni, 'Tridico ancora una volta fa di tutto per sabotare possibile soluzione'-Lecce, inaugurata sede per polo innovazione biomedicale-Omofobia: Maraio e Nencini, 'modifiche ad articolo 4 e 7 ddl Zan, poi fiducia in terza lettura'

La clorofilla negli alimenti

Condividi questo articolo:

In che modo la cottura e la manipolazione influenzano la clorofilla che mangiamo?

La maggior parte dei cibi vegetali contiene almeno piccole quantità di clorofilla, ma sono le verdure verdi ad essere una fonte particolarmente concentrata di questo nutriente.

Gli spinaci ne contengono davvero molta, così come il prezzemolo, ma ne contengono anche gli asparagi, le bietole, i peperoni verdi, i broccoli, i cavoletti di Bruxelles, i cavoli, il sedano, i cetrioli, i fagiolini, i piselli, i porri, la senape, le olive verdi, la lattuga romana, le cime di rapa. E non solo, ci sono anche alimenti che non sono verdure nella lista dei portatori di clorofilla: per esempio le noci, i semi, i pistacchi, l’uva verde, i kiwi… Insomma, nel caso in cui si avesse bisogno di aggiungere clorofilla alla propria dieta, vi è davvero ampia scelta! 

Quello che c’è da sapere sulla cottura degli alimenti contenenti clorofilla è che la clorofilla è instabile al riscaldamento e quindi è naturalmente influenzata dalla cottura – ancora di più di quanto non lo siano altri pigmenti, tipo i carotenoidi. Sono molte le cotture che riducono i livelli di clorofilla – la scottatura, la cottura in pressione, l’ebollizione – perché il punto è che sono i tempi di cottura a farli diminuire: man mano che i tempi di cottura aumentano, soprattutto durante le cotture molto prolungate, la clorofilla viene sempre più scomposta – un cambiamento questo che è anche possibile appurare con la vista dato che il colore degli alimenti si modifica durante le cotture.

Quando un cibo acquista una tonalità luminosa e vivace di verde, probabilmente ci si sta avvicinando alla giusta quantità di cottura totale, mentre quando inizia a perdere il suo sorprendente colore verde, stiamo di certo assistendo a un’ulteriore rottura e perdita della sua clorofilla.
Inoltre, è stato riscontrato che anche l’immagazzinamento prolungato del cibo può ridurre il contenuto di clorofilla – così come può causare la perdita di altri nutrienti.
Bastano questi piccoli accorgimenti per poter continuare a fornire questo pigmento al nostro organismo nella maniera giusta.

Questo articolo è stato letto 285 volte.

alimentazione, alimenti, clorofilla, cottura, cucina, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net