ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Olimpiadi: Fisi, 7 convocati sci alpino maschile per Pechino 2022-**Quirinale: tiene asse Pd-M5S-Leu, sospetti su Salvini, 'Casellati? Vuol far saltare tutto'**-**Quirinale: tiene asse Pd-M5S-Leu, sospetti su Salvini, 'Casellati? Vuol far saltare tutto'** (2)-**Quirinale: tiene asse Pd-M5S-Leu, sospetti su Salvini, 'Casellati? Vuol far saltare tutto'** (3)-**Quirinale: Conte a caccia soluzioni, crepe M5S su Draghi al Colle e tentazione opposizione**-**Quirinale: Conte a caccia soluzioni, crepe M5S su Draghi al Colle e tentazione opposizione** (2)-Quirinale: a vuoto secondo scrutinio, schede bianche, 39 voti per Mattarella e Maddalena (2)-Quirinale: domani terzo scrutinio alle 11-Sci: Goggia, 'avanti con fiducia'-Olimpiadi: Moioli a Goggia, 'sei in grado di compere miracolo, ti aspettiamo in Cina'-Quirinale: Letta, 'nostra proposta è via tatticismi per nome super partes'-Quirinale: a vuoto secondo scrutinio, 527 schede bianche, 39 voti per Mattarella e Maddalena-**Quirinale: voto per Franco Grillini**-**Quirinale: avanti a oltranza, contatti e incontri anche nella notte tra leader**-Berlusconi: Marina torna al San Raffaele, in visita anche Confalonieri-Quirinale: Letta, 'abbiamo buona volontà di trovare soluzione condivisa'-**Quirinale: Letta, 'domani giorno chiave, giovedì arriva voto con il 51%'**-Quirinale: bimba saluta Mattarella sotto casa, in lockdown gli aveva scritto tre letterine-Quirinale: Letta, ‘chiudiamoci dentro stanza e via la chiave fino a soluzione’-Quirinale: Letta, 'non abbiamo voluto fare la guerra delle due rose'

L’inquinamento potrebbe causare il doppio dei morti che si pensava

Condividi questo articolo:

Nuove ricerche affermano che è un milione il numero dei decessi causati ogni anno dall’inquinamento, non 400.000 come precedentemente stimato

Uno studio fatto dallo Stockholm Environment Institute della University of York, suggerisce che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico da ozono potrebbe essere collegata a più del doppio delle morti che si pensava: un milione all’anno. Lo studio pubblicato sulla rivista «Nature», si basa su dati del 2010 e rileva che una morte su cinque tra quelle dovute a malattie respiratorie è stata causata dall’esposizione all’aria inquinata. Ciò comporta un totale di un milione di casi, un numero molto diverso dai 400.000 indicati dagli studi precedenti.

Tassi di inquinamento record anche nella Pianura Padana, gli esperti lanciano l’allarme.

Nonostante alcune limitazioni della ricerca, risposte che potrebbero non essere particolarmente accurate in regioni in cui potrebbero incidere anche altri fattori di rischio, quello che possiamo dire con certezza è che l’inquinamento dell’ozono crea conseguenze ancora più gravi di quelle che si immaginavano negli studi precedenti – e che erano già molto gravi.

Per comprendere meglio una ricerca come questa, è importante ricordare che ci sono due tipi di ozono: uno si presenta naturalmente nell’atmosfera superiore e aiuta a proteggere il pianeta dai raggi ultravioletti dannosi; l’altro è creato a livello della Terra quando gli inquinanti provenienti da fonti come automobili, centrali elettriche e raffinerie subiscono reazioni chimiche alla luce del sole. È quest’ultimo tipo di ozono ad essere l’ingrediente principale dello smog e che contribuisce alle malattie respiratorie che fanno crescere i numeri di queste morti.

Anche se alcune aree geografiche sono più a rischio di altre, si tratta di un problema globale: le emissioni relative al trasporto, all’industria e alla produzione di energia sono una preoccupazione che riguarda tutto il mondo. Risolverle è veramente una questione di vita o di morte perché è proprio con la vita e con la morte che hanno a che fare.

Questo articolo è stato letto 15 volte.

inquinamento, ricerca, salute, smog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net