Cambio di stagione

Condividi questo articolo:

Scopriamo come reagisce il nostro cervello

I cambi di stagione non sono mai da sottovalutare.

L’estate è appena finita, le giornate si accorciano e il nostro umore cambia: accade perché il cervello è in grado di avvertire il cambio di stagione, grazie a un circuito di neuroni che modifica le molecole segnale (neurotrasmettitori) in risposta alle variazioni della luce diurna.

Lo indica uno studio sui topi condotto dai ricercatori dell’Università della California a San Diego coordinati dal neuroscienziato italiano Davide Dulcis. I risultati, pubblicati sulla rivista Science Advances, potranno avere importanti risvolti per la terapia della luce contro i disturbi dell’umore come la depressione.

Lo studio, che porta come prima firma quella dell’italiana Alessandra Porcu, si è focalizzato su una piccola struttura del cervello, il nucleo soprachiasmatico, che è nascosto nell’ipotalamo ed è formato da circa 20 mila neuroni.

Si tratta di una sorta di orologio che regola i ritmi circadiani dell’organismo, ovvero i cambiamenti fisici, mentali e comportamentali che seguono il ciclo delle 24 ore condizionando ogni aspetto, dalla temperatura corporea alla produzione degli ormoni.

Questo “orologio” funziona sulla base degli input provenienti da cellule specializzate della retina che comunicano i cambiamenti di intensità e durata della luce diurna. I ricercatori del Dulcis’ Lab hanno scoperto in particolare che i neuroni del nucleo soprachiasmatico si coordinano fra loro per adattarsi alle variazioni di luce: lo fanno cambiando i tipi e le quantità di neurotrasmettitori che, a loro volta, vanno a influenzare l’attività del cervello e i comportamenti.

Cambiamenti stagionali sono stati riscontrati anche nel numero di neuroni che producono neurotrasmettitori nel nucleo paraventricolare, una regione del cervello che controlla stress, metabolismo e altre funzioni autonome.

Consigli per il cambio di stagione

La prima cosa da fare è cercare di vivere questo cambiamento in modo naturale e senza farci prendere dallo stress e dalla routine del ritorno a scuola o al lavoro.

Per ridurre i disturbi dovuti al cambio di stagione, risulta fondamentale mantenerci in buona salute praticando la giusta attività fisica riposare le ore necessarie e curare l’alimentazione; se le buone abitudini non sono sufficienti può essere d’aiuto ricorrere a specifici integratori alimentari.

Se i disturbi dovessero peggiorare, si consiglia altresì, di confrontarsi col proprio medico di base, per effettuare magari accertamenti ed escludere qualsiasi altro problema.

In sostanza, a tutti crea dei problemi il cambio di stagione. A chi più e a chi meno, ma sembriamo essere comunque in buona compagnia.

Mal comune mezzo gaudio?

D.T.

Questo articolo è stato letto 18 volte.

autunno, cambio stagione, circlo circadiano, neurotrasmettitori, terapia della luce

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net