ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Mo: Salvini, 'chi attacca Israele attacca democrazia'**-Mo: Cirielli, 'cessi escalation violenza, Ue intervenga per favorire dialogo'-**Mo: Hamas, lanciati oltre 100 razzi da scadenza ultimatum**-Covid: Moratti, '475mila 50enni lombardi hanno aderito a campagna, incoraggiante'-Vaccino Covid, come comportarsi dopo le dosi?-**Cinema: Tom Cruise restituisce i tre Golden Globe per unirsi a protesta contro Hfpa**-**Calcio: Tna su Gasperini, 'irritualità atto deferimento, restituzione atti a Procura antidoping'**-**Tuffi: Europei, storico argento Italia del Team Event**-**Giustizia: M5S, con Cartabia incontro interlocutorio, ci sono criticità'**-**Cinema: la Nbc non trasmetterà i Golden Globe del 2022**-Governo: domani Consiglio ministri alle 11.15 su leggi regionali-Migranti: Amendola, 'a Consiglio Affari generali ribadita necessità iniziativa Ue'-Calcio: insulti a ispettori antidoping, sentenza Gasperini attesa domani-Calcio: Champions League, finale City-Chelsea verso il trasloco da Istanbul al Portogallo-Lirica: la Scala riapre dopo 199 giorni, Sala 'è come non l'abbiamo mai vista'-Partiti: sondaggio Swg-TgLa7, M5S in calo tutti gli altri in crescita, Lega sempre prima-Mo: Picierno, 'Ue e Italia si impegnino per ripresa dialogo'-Calcio: Maria Marotta, 'emozione al primo fischio poi ho arbitrato con determinazione'-Pallavolo: Lugli, 'indignazione del Coni per il mio caso si è fermata alla telefonata'-Giustizia: Perantoni, 'ottimista su riforma, presto calendario lavori commissione Camera'

A tutta birra! Senza esagerare pero’

Condividi questo articolo:

Consumata senza eccessi la “bionda” può essere un’alleata importante per la salute cardiovascolare. Lo dimostra uno studio della Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II di Campobasso. La birra ha anche effetti digestivi e depurativi, ma gli esperti ricordano che non bisogna esagerare

Riabilitato il vino, ora tocca alla birra. Perché bere senza eccessi può anche far bene alla salute. Lo dimostra ancora uno studio compiuto dai Laboratori di ricerca della Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II di Campobasso.

 

L’indagine ha analizzato le abitudini di bere diverse bevande alcoliche collegandole al rischio di malattie cardiovascolari. La ricerca, che è stata pubblicata anche dall’ European Journal of Epidemiology, ha evidenziato che un consumo moderato può abbassare il rischio di malattie cardiovascolari, che risulta fino al 31% inferiore a quello di chi non beve affatto. La novità è che stavolta non si fa riferimento solo al vino, ma anche alla “bionda”.  Un consumo medio, calcolato per una birra di 5 gradi, equivale circa tre birre piccole alla spina (200 ml ciascuna) al giorno.

 

La birra a differenza di quanto si crede è anche una bevanda poco calorica. Inoltre contiene luppolo che ne è una delle principali materie prime e aiuta a prevenire l’ossidazione cellulare ed è sedativo, digestivo e depurativo. La presenza di magnesio e potassio la rende capace di accelerare il processo diuretico, facilitando il lavoro dei reni e combattendo la formazione di calcoli.

 

Attenzione però a non superare i limiti. Consumare infatti notevoli quantità di alcool non aiuta affatto la salute, anzia aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. In ogni caso gli esperti non smettono di ripetere che il consumo di alcool va accompagnato ad una vita sana e regolare. Insomma sì ad una birra fresca in compagnia, ma attenzione a non esagerare!

 

Se volete conoscere altre curiosità sulla birra potete consultare il sito: www.birra.it

Questo articolo è stato letto 11 volte.

birra, Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II, luppolo, malattie cardiovascolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net