ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fisco: Fratoianni, 'da oggi firme anche on line per nostra proposta su patrimoniale'-Lavoro: Malpezzi, 'parità salariale principio di civiltà ed equità'-Giorgetti: "Creare le condizioni affinché l'Italia sia preferibile negli investimenti"-Calcio: Mourinho non chiama Diawara, Villar, Reynolds e Mayoral per Cagliari-Pechino 2022, iniziato il countdown dei Giochi 'blindati' per il Covid-Lepore: "In Emilia Romagna crescere è investire su competenze e informazione"-Quirinale: Rosato, 'Berlusconi non sarà candidato, non credo che aspetti nostri voti'-Omofobia: Marcucci, 'una legge è meglio di nessuna legge'-Shoah: Meloni, 'bene cittadinanza onoraria l'Aquila a Segre, donna straordinaria'-Colla (Emilia Romagna): "Centro Innovazione Philip Morris è hub che tiene insieme filiera"-**Recovery: ipotesi Cdm domani su dl per centrare obiettivi Pnrr**-Frosinone, il gioielliere Zancan: "Sono con il tabaccaio, il ladro sa che è o me o te"-1 kg di plastica marina può illuminare un appartamento per un giorno-Freni (Mef): "Valorizzare il modello italiano e l'impostazione di filiera"-Calcio: Fiorentina, Nico Gonzalez positivo al Covid-Pd: Letta, 'farò 'check' con parlamentari e dirigenti, iscriversi a piattaforma Agorà'-Prandini: "Da Philip Morris International Centro eccellenza che dà ricchezza al Paese"-Pd: Boccia, 'Ulivo nostre radici ma è passato, futuro in unità progressisti e riformisti'-**L.elettorale: Letta, 'fino a elezione Quirinale centrodestra non si muove'**-L.elettorale: Letta, 'qualunque sia ristabilire legame eletto-elettore'
borsa bag

«I am a plastic bag»

Condividi questo articolo:

borsa bag

Anya Hindmarch lancia una borsa che ricicla la plastica monouso.

Dopo il successo del progetto «I Am Not a Plastic Bag», il marchio della designer Anya Hindmarch ha avuto un’altra idea sostenibile: è arrivata sul mercato, infatti, «I Am a Plastic Bag», una borsa che mira a riciclare la plastica monouso e a lasciare zero emissioni di anidride carbonica durante la sua produzione.

La versione precedente di questo nuovo progetto, nata nel 2007 – «I am NOT a plastic bag», appunto – è stata una campagna per sensibilizzare sull’uso dei sacchetti di plastica usa e getta.

Ma adesso, tredici anni dopo, per attirare di nuovo l’attenzione sul problema serviva qualcosa di diverso.

E così la società ha deciso di centrare la sua campagna sul riciclo e di produrre una borsa realizzata con un tessuto morbido molto simile al cotone, costruito con bottiglie di plastica riciclata – ci vogliono 32 bottiglie di plastica da mezzo litro per produrre una borsa.

Il processo di fabbricazione di «I am a plastic bag» inizia con il lavaggio e la selezione delle bottiglie raccolte, che poi vengono triturate e trasformate in pellet.

I pellet vengono quindi convertiti in fibre che vengono filate e tessute.

Per ottenere la finitura resistente alle intemperie, le borse sono rivestite con un PVB riciclato, ricavato da vecchi parabrezza.

Per questa finitura, Anya Hindmarch ha collaborato con una società taiwanese che sembra essere l’unica nel suo genere che ha ottenuto la certificazione Global Recycled Standard (GRS).

Anche se i progettisti del marchio h non credono che la compensazione del carbonio sia la risposta per un settore noto per i rifiuti e l’inquinamento generati in maniera eccessiva, hanno anche collaborato con EcoAct, un consulente globale per i cambiamenti climatici che ha misurato le emissioni della produzione «I Am a Plastic Bag» al fine di rendere il processo a emissioni zero.

Per lanciare il suo prodotto, Anya Hindmarch ha chiuso i battenti per tre giorni, riempiendo il negozio con 90.000 bottiglie di acqua di plastica scartate e un cartello sulla porta che ne spiegava il motivo.

Poi, una selezione limitata di borse è stata pre-lanciata a febbraio, alla settimana della moda di Londra.

La collezione completa in quattro colori sarà disponibile ad aprile.

Questo articolo è stato letto 24 volte.

anidride carbonica, borsa, bottigliette, pellet, plastica, riciclo, zero emissioni

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net