ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Pd: Orlando, 'serve un nuovo Pd o qualcosa che vada oltre il Pd'-Salute del cuore: in Italia dati allarmati, puntare su prevenzione-**Elezioni: Terzo Polo sbarca in Parlamento, equilibro eletti tra Azione e Iv**-Sodexo benefits and rewards services-Comunicazione Italiana, al via Welfare day-Salone Nautico di Genova all'interno del più grande cantiere rinnovamento urbano in Italia-Stretta cooperazione tra la Fifa e il Consiglio per diritti umani delle Nazioni Unite-Manovra: centrodestra punta a intervento su rdc, non mina platea ma numero offerte lavoro-Elezioni: ecco gli eletti Pd, la nuova mappa dei gruppi tra conferme e new entry (4)-Philip Morris, su nuovi prodotti serve dialogo pubblico-privato-Fumo, Philip Morris: "Su nuovi prodotti serve dialogo pubblico-privato"-Rugby: Peroni Top10, la finale 2023 torna allo stadio Lanfranchi di Parma-Rugby: Peroni Top10, copertura integrale del campionato grazie a Eleven Sports e Rai Sport-**Pd: con congresso alle porte rebus capigruppo e nomine di avvio legislatura'**-Turchia: Ankara convoca ambasciatore tedesco per aver insultato Erdogan-Ucraina: quasi 44mila russi entrati in Finlandia da annuncio mobilitazione-M5S: Grillo rilancia settimana lavorativa di 4 giorni, 'toccasana, riprendiamoci vita'-**Spazio: sostegno Draghi a candidatura Italia per Einstein Telescope**-Genova, sindaco Bucci: "Nuovo contratto per Salone nautico da 2024 includerà nuove aree waterfont levante"-Calcio: Bayern Monaco, Neuer e Goretzka guariti dal Covid-Calcio: Figc, allenatore qatariota Rizik ospite nel ritiro della Nazionale Under 21

Produrre petrolio nella natura selvaggia

Condividi questo articolo:

Le aziende statunitensi spingono per poter iniziare le trivellazioni petrolifere nell’Artic National Wildlife Refuge

In seguito alla mossa del Congresso degli Stati Uniti per l’apertura dell’Arctic National Wildlife Refuge in Alaska alla produzione di petrolio e gas – un obiettivo che era stato a lungo ricercato del Partito Repubblicano – le compagnie di combustibili fossili si sono subito messe in moto e hanno iniziato a portare avanti i loro piani di sviluppo in mezzo a quella natura selvaggia, sperando di poter iniziare a sondare fisicamente la regione entro l’inverno.

L’Arctic Slope Regional Corporation e la Kaktovik Iñupiat Corporation, due società dell’Alaska, e una compagnia petrolifera hanno già chiesto il permesso di iniziare il rilevamento sismico sulla pianura costiera del rifugio. Tuttavia, nonostante le promesse che il processo sarebbe il più rispettoso possibile dell’ambiente, a quanto indicano i documenti ottenuti dal «Washington Post», il Fish and Wildlife Service, che si occupa dell’amministrazione del parco, ha respinto i loro piani iniziali, definendoli «non adeguati», poiché mancanti «di dettagli applicabili per una corretta revisione da parte delle agenzie».

L’area che le compagnie sperano di poter esplorare e utilizzare per il petrolio è anche il luogo di riproduzione di un branco di caribù di Grant, una specie di renne molto importante per la comunità locale dei Gwich’in sia per le loro tradizioni che perché fonte di alimento. Né questa comunità né le altre comunità indigene dell’Alaska sono d’accordo con questo piano e, inoltre, lamentano anche una corsa troppo veloce verso le trivellazioni che rischia di andare più in fretta della conferma della reale fattibilità del tutto.

Probabilmente queste comunità si riuniranno per impedire che le perforazioni si verifichino e combatteranno in tutte le sedi per il mantenimento dello status quo nella loro terra.

Questo articolo è stato letto 62 volte.

artico, petrolio, trivelle

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net