ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gb: primo viaggio internazionale per principi del Galles William e Catherine-Ucraina: Gb, 'Kherson è ancora vulnerabile, resta nel raggio dell'artiglieria russa'-**Ucraina: amministrazione russa, 'è falso, non lasciamo centrale Zaporizhzhia'**-Ucraina: 4,7 milioni di rifugiati ricevono status di protezione temporanea in Europa-Csel, in era pre-crisi energetica spesa media delle bollette dei Comuni italiani era 30mila euro mese-Csel, da caro energia per Comuni rischio costi aggiuntivi per 1,6 mld quest’anno-Ucraina: Usa valutano se fornire a Kiev piccole bombe di precisione-Ue: Tajani, 'Europa senza leader, se si va avanti così saremo un vaso di coccio'-Ucraina: madri russe lanciano petizione contro la guerra-Ischia, Vigili del fuoco al lavoro anche stanotte per cercare i dispersi-Qatar 2022: Lele Adani, 'mia telecronaca? Ha parlato Messi, io ho solo trasferito'-**Pd: Nardella in campo con sindaci, 'terza via tra Bonaccini e Schlein? Lavoro per unire'**-Ischia: Calenda, 'da Conte condono pericoloso, non prenda in giro italiani'-**Lirica: inaugura stasera la stagione del Teatro dell'Opera di Roma**-**Qatar 2022: tifosi messicani, 'telecronaca Rai di parte, ha sminuito Messico'-**Ischia: Renzi, 'da Conte dichiarazioni farneticanti'**-Ischia: Renzi, 'nel 2018 non fu condono? Conte si deve vergognare'-**Musica: Daniele Silvestri chiude la doppietta romana con sold out e standing ovation**-Rdc: Conte, 'bene se fronte ampio, anche con Pd'-Rdc: Conte, 'abolizione fatta per colpire M5S? Se fosse sarebbe miserabile'

Una tartaruga calpestata e picchiata per un selfie

Condividi questo articolo:

È stata salvata, alla fine, ma era ridotta molto male questa tartaruga di una specie in via di estinzione che è stata maltrattata da un branco di turisti che volevano farsi delle foto con lei

La tartaruga marina comune (Caretta caretta) è una specie che è stata dichiarata in pericolo di estinzione nel 1970: c’è anche questa aggravante da mettere nel conto di quanto accaduto su una spiaggia di Beirut – un fatto che sarebbe stato comunque gravissimo, ma che per questo lo diventa ancora di più. 

Un gruppo di turisti ha deciso di scattarsi dei selfie con una tartaruga intercettata in mare, quindi – secondo la ricostruzione dell’accaduto – ha preso l’animale di forza, l’ha trascinato in spiaggia e ha iniziato a maltrattarlo. In questo momento, la tartaruga si sta riprendendo dalle ferite riportate, dopo essere stata salvata dalle persone del luogo che ci hanno tenuto a precisare che, se non fossero intervenute, la tartaruga sarebbe di certo morta.

Dopo averla trascinata fuori dall’acqua, i turisti hanno iniziato a fare delle foto – se ne vede una con un bambino che piange e che sembra essere in piedi sopra al guscio dell’animale – e, dopo che sono stati scattati i selfie, hanno cominciato a colpire la tartaruga con dei bastoni. I Raggi X hanno mostrato che tutti quei colpi hanno sfondato la parte superiore della testa della tartaruga, consentendo all’acqua di mare di raggiungere le cavità del seno.

Tutto questo non solo è una rappresentazione evidente di quanto possa essere orribile un comportamento umano, di quanto le persone possano essere disgustosamente insensibili e crudeli, è anche una pratica illegale, visto che esiste una legge agricola libanese che vieta il bracconaggio degli animali marini.

Qualche settimana fa, un incidente simile è stato segnalato nella Repubblica Dominicana, dove uno squalo è stato tirato fuori dal mare da una folla di turisti e di persone del luogo che poi hanno scattato foto sorridenti con il cadavere dell’animale.
Basta! Gli animali non sono oggetti di scena delle vostre foto per agguantare like sui social network. Lasciateli in pace.

Questo articolo è stato letto 136 volte.

animali, estinzione, mare, Selfie, tartaruga, Tartauga

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net