ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Francia: attentatore tunisino era indagato da Procura Agrigento per immigrazione clandestina-Fabbrocini (Federico II): "Psoriasi si controlla sempre meglio con nuove terapie"-Carrefour Italia lancia la Settimana della Transizione Alimentare-Francia: attentatore tunisino aveva ricevuto ordine di espulsione da Italia-Francia: Furlan, 'uccidere in chiesa atto di barbarie, vicini a comunità cattolica francese-"Con Covid pazienti con psoriasi in gravi difficoltà"-Francia: fonti investigative, 'attentatore sbarcato a Lampedusa il 20 settembre'-"Volontà del governo a investire sulla realizzazione di impianti a biometano"-Scanavino (Cia): "Agricoltura centrale in ogni politica ecologica"-Governo: Lamorgese ricorda uomini scorta a P.Chigi, 'grati a 2 uomini eccezionali'-Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"-Governo: Conte ricorda uomini scorta, 'rimarranno vivi nei nostri cuori'-Giansanti (Confagricoltura), 'Ruolo centrale delle imprese agricole in 'Farming for future' per obiettivi green"-Diabete, da Medtronic sistema automatizzato per infusione insulina-Coronavirus: Salvini, 'cure a domicilio e farmaci che non piacciono a multinazionali'-Dl ristori: Salvini, 'prima di promettere altri soldi pagate quelli già dovuti'-Truffe, Igt: "Sospesi 4 dipendenti Lottomatica"-**Coronavirus: Salvini, 'italiani chiusi in casa e delinquenti liberi'**-Coronavirus: Salvini, 'di tutto per evitare lockdown'-Coronavirus: Salvini, 'problemi a Conte da maggioranza, vogliono rimpasto'

Un progetto per salvare gli squali nel mediterraneo

Condividi questo articolo:

 

Prende il via il progetto ‘Sharklife’ per salvare gli squali del Mediterraneo. Particolare attenzione sara’ dedicata allo squalo elefante e allo squalo trigone viola, spesso vittime di catture accidentali

Al via il progetto ‘Sharklife’ per salvare gli squali del Mediterraneo, studiarne spostamenti e abitudini. Il progetto, che appartiene al programma di lavoro  Life+ dell’Unione Europea , si propone di contribuire alla conservazione degli squali,  con particolare attenzione allo squalo elefante e allo squalo trigone viola, due specie che sono spesso vittime di catture accidentali, ma anche alle altre specie, quali palombo, squalo volpe, verdesche e spinarolo, che vengono catturati durante le gare di pesca sportiva.

Il progetto ‘Sharklife’ per salvare gli squali del Mediterraneo sarà affidato a una cordata di soggetti di cui è capofila il Centro turistico studentesco e giovanile, un’associazione specializzata nella tutela della biodiversità marina. ‘Sharklife’ si avvale del contributo anche dei pescatori: la Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee, partner di ‘SharkLife’, ha infatti modificato il regolamento di pesca sportiva che adesso prevede il rilascio in mare di quei circa 300 squali tra palombi, verdesche e spinaroli che ogni anno vengono pescati.

Tutti gli squali saranno anche marcati con un tag: ad ogni pesce verrà applicata una targhetta numerata, e per ogni squalo marcato saranno rilevati dati quali luogo di cattura e lunghezza, che poi saranno confrontati in caso di ricattura.

(gc)

Questo articolo è stato letto 5 volte.

pesci, salvare squali, Sharklife, squali, squali mediterraneo, squalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net