Quei pesci ermafroditi…

Condividi questo articolo:

Alcune specie, come l’orata, cambiano sesso nel corso del loro ciclo vitale oppure possiedono sia gonadi femminili che maschili

 

Maschio per qualche anno e poi femmina. O viceversa. O sia maschio che femmina per tutta la vita. Tra le curiosità del mondo animale c’è quella dei pesci cosiddetti ermafroditi. Alcune specie presentano infatti una particolare condizione sessuale, in cui le gonadi dei due sessi coesistono o si sviluppano una dopo l’altra. Sarebbero circa un centinaio le specie in questione, molte ‘residenti’ nella barriere coralline.

Nel caso di ermafroditismo istantaneo, gli esemplari hanno sia gonadi maschili che femminili funzionali allo stesso tempo. L’ermafroditismo sequenziale o consecutivo si ha quando, durante il ciclo vitale di una specie, un sesso si sviluppa prima dell’altro con un processo di inversione sessuale. In alcune specie la gonade maschile matura prima di quella femminile, in altre, invece, la gonade femminile si sviluppa e funziona prima della maschile.

Nei nostri mari vive per esempio la sparus aurata (orata). Fino a due anni di età circa gli individui sono maschi, poi, raggiunta la maturità, gli organi genitali diventano femminili. In pratica si verifica una vera e propria inversione di sesso. L’ermafroditismo è diffuso anche in alcune specie di spugne e molluschi. In alcuni casi può accadere che alcuni soggetti cambino sesso più di una volta durante il proprio ciclo vitale.

as

Questo articolo è stato letto 460 volte.

animali, pesci, pesci ermafodriti, pesci maschio o femmina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net