ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Professioni, Cataldi (commercialisti): "Bilanciare ruolo e responsabilità"-Natalità, Demografica: 13 dicembre a confronto su lavoro e welfare a misura di famiglia-De Nigris (Johnson & Johnson): "Formazione è centrale, con AI percorsi più mirati"-Engineering firma accordo per integrativo, arrivano misure a favore di famiglia e genitorialità-Content creators, i nuovi professionisti chiedono un codice di regolamentazione-Salario minimo: da Costituzione a Cassazione, se ne discute al webinar de #IlLavoroContinua-Migranti, Inca Cgil: Click day per lavoro domestico ennesima beffa-Inps, oggi premiazione prima edizione premio letterario Fondo Psmsad-Violenza di genere: Kellanova, nuove policy per dipendenti vittime o sopravvissuti ad abusi domestici-Natale, Cinecittà World: fino al 7 gennaio grande villaggio tra luminarie e mercatini-Artigiano in Fiera, la Provenza protagonista nel Padiglione Francia-Lavoro, oltre 18.000 posti creati da Amazon in Italia e il Piemonte-Fondirigenti, formazione manager aumenta produttività imprese-Violenza su donne, Barbara d’Urso testimonial di WinLet, il dispositivo ideato per contrastarla-Sostenibilità, per ogni kg di mozzarella dop sottratti 52 kg di Co2 dall’ambiente-Gallo (Ass. Reg Calabria): "Tante aziende ad Artigiano in Fiera, 25 più dello scorso anno"-Varì (Ass. Reg. Calabria): "Artigiano in fiera è occasione per farci conoscere”-Santanchè: "Orgogliosi di 'Artigiano in Fiera"-Intiglietta (Ge.Fi): "Mi aspetto un’edizione importante di Artigiano in Fiera"-Inaugurata a Milano 'Artigiano in Fiera', fino a 10 dicembre 2.550 espositori da 86 Paesi

Torna la peste nera in Cina

Condividi questo articolo:

Scoperti due casi di peste polmonare in Cina che fanno preoccupare l’opinione pubblica

Alcuni medici in Cina hanno diagnosticato la peste polmonare a due persone, dice l’agenzia di stampa statale Xinhua News. Entrambi i pazienti provengono da una regione interna della Mongolia cinese e hanno ricevuto un trattamento adeguato per le loro condizioni presso le istituzioni mediche del distretto cinese di Chaoyang.

La Commissione Sanitaria Municipale di Pechino ha dichiarato che uno dei pazienti è in condizioni stabili, mentre l’altro è in condizioni critiche.

La peste polmonare, nota anche come «peste nera», si presenta in tre forme: bubbonica, setticemica e polmonare, con ciascuna che prende di mira una parte diversa del corpo. È molto conosciuta per aver ucciso decine di milioni di persone nell’Europa medievale.

La peste polmonare è la forma più grave di peste, non solo perché prende i polmoni, ma anche perché è di diffusione molto semplice, visto che può passare tra le persone attraverso goccioline d’aria infette o indumenti e oggetti contaminati. Se non viene trattata, è sempre fatale.

Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha scritto sulla piattaforma di social media Weibo che la probabilità che la malattia si diffonda oltre i due pazienti è estremamente bassa, ma in un altro post, che poi è stato cancellato, si diceva che i pazienti hanno cercato per la prima volta il trattamento il 3 novembre, più di una settimana prima che i funzionari confermassero la diagnosi di peste e dieci giorni dopo che uno dei pazienti aveva iniziato ad avere febbre e difficoltà respiratorie, il che significa che non si può dire fino a che punto l’infezione potrebbe essersi diffusa prima che l’opinione pubblica fosse avvisata dell’epidemia .

Il New York Times ha riportato il commento di una persona su Weibo che ha scritto: «La peste non è la parte più terrificante. Ciò che è ancora più spaventoso è che le informazioni non vengono rese pubbliche».

 

Questo articolo è stato letto 435 volte.

Cina, peste nera, peste polmonare

Comments (21)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net