ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
B7, Marcegaglia: "No a protezionismo miope e approcci nazionalistici"-B7, Poggi (Deloitte): "Commercio internazionale? Fondamentale politica condivisa paesi G7"-Trovata morta in dirupo a Ischia, compagno fermato per maltrattamenti-Blinken striglia Israele: "Bilancio dei morti a Gaza è inaccettabile"-Mbappé nuovo numero 9 del Real Madrid: "Un sogno, darò la vita per il club"-Ue, chi è Roberta Metsola: la maltese di Finlandia che piace a destra e a sinistra-Roma, tenta di fermare lite tra coinquilini: uno gli stacca un dito con un morso-Dai calcoli renali alla scarsa sicurezza, ecco le fake sull'acqua del rubinetto-Euro 2024 e la foto-omaggio dei principi di Galles con Charlotte e Louis incollati alla tv-L'Etna si placa, oggi tregua dopo la fontana di lava dal cratere Voragine-Gareth Southgate non è più ct dell'Inghilterra-Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento Ue: "Non dobbiamo avere paura"-Kate, abito viola a Wimbledon "segno di speranza ma anche di potere"-Ascolti tv, a 'Battiti Live' su Canale 5 il prime time di lunedì 15 luglio-La foto del proiettile di Trump? Ferdinando Mezzelani: "Un'autentica barzelletta"-Parigi 2024, Dai biglietti ai concorsi falsi sui social media, come evitare le cyber truffe-Tour de France, oggi 16esima tappa per velocisti, percorso e orario tv-Gaza, per la Cia il leader di Hamas si nasconde nei tunnel di Khan Younis-Napoli, inaugurata stazione San Pasquale della linea 6 della metropolitana realizzata da Webuild-Roma, rapinata vedova di Chris Cornell: pugno nello stomaco, poi via con Rolex da 50mila euro

Perché i cani indiani di Navi Mumbai sono diventati blu?

Condividi questo articolo:

Finalmente trovato il motivo per il colore di alcuni cani indiani: l’inadeguato trattamento dei rifiuti in un fiume locale in cui i cani si abbeveravano

Negli ultimi tempi, avevano destato molta attenzione gli avvistamenti di cani randagi blu in giro per Navi Mumbai, in India: una cosa per niente da ridere. Si è scoperto che a far virare il colore degli animali verso il blu sia stato l’inquinamento di un fiume che non è stato trattato in maniera adeguata: l’acqua ha cambiato colore e così anche i cani. Ovviamente a destare preoccupazione è anche la fauna marina: è probabile, infatti, che l’inquinamento abbia danneggiato anche i pesci e gli uccelli che sono a contatto con la risorsa idrica.

Quando i residenti hanno cominciato a notare i cani blu che vagavano nelle strade, si sono rivolti alle autorità locali, presentando una denuncia che chiedeva di controllare l’inquinamento dell’acqua – anche perché, a detta di tutti, era uno spettacolo davvero sconvolgente.

A quanto riferito, i livelli della richiesta biochimica di ossigeno (BOD) – ovvero la concentrazione di ossigeno necessaria per sostenere la vita acquatica – era di 80 milligrammi per litro. Secondo le linee guida del Comitato centrale di controllo dell’inquinamento, i pesci muoiono quando il livello BOD è superiore a 6 mg/L e l’acqua è inadatta al consumo umano quando i livelli sono superiori a 3 mg/L. Inoltre, i livelli di cloruro, che sono tossici e che danneggiano la vegetazione, la vita acquatica e la fauna selvatica, erano altrettanto elevati.

Probabilmente è tutta colpa dello scarico delle tinture, che è illegale in qualsiasi corpo idrico ma non per questo non si fa: si spera che verranno presi provvedimenti molto seri contro gli inquinatori che stanno distruggendo l’ambiente, impedendo che ricapiti in futuro.

 

Questo articolo è stato letto 583 volte.

cani, india, inquinamento, Navi Mumbai

Comments (3)

  • … [Trackback]

    […] Info on that Topic: ecoseven.net/ambiente/news-ambiente/perche-i-cani-indiani-di-navi-mumbai-sono-diventati-blu/ […]

  • … [Trackback]

    […] Read More Information here to that Topic: ecoseven.net/ambiente/news-ambiente/perche-i-cani-indiani-di-navi-mumbai-sono-diventati-blu/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net