La prima protesta di Greenpeace dell’era Trump: striscione su una gru a Washington

Condividi questo articolo:

L’amministrazione Trump ha tolto ogni menzione ai cambiamenti climatici dal sito della Casa Bianca. Greenpeace all’attacco

Su una gru a pochi passi dalla Casa Bianca è comparso uno striscione con la scritta “Resist”. È il primo atto dimostrativo di Greenpeace USA dall’insediamento del nuovo presidente americano.

Il motivo è chiaramente spiegato dagli attivisti: “l’amministrazione Trump ha tolto ogni menzione ai cambiamenti climatici dal sito della Casa Bianca e ha dato il via libera agli oleodotti Dakota Access, che passa nelle terre sacre dei Sioux, e al Keystone XL, entrambi bloccati da Obama”.

“Mentre il disprezzo e la mancanza di rispetto di Trump per le nostre istituzioni democratiche mi spaventa, sono fiera del movimento progressista multigenerazionale che sta crescendo”, ha dichiarato Karen Topakian, attivista di Greenpeace Usa, tra i sette in azione. Greenpeace da oltre quaranta anni si oppone con la nonviolenza alla prepotenza, e non ci fermeremo certo ora”, conclude.

Per capire a fondo il global-warming dobbiamo guardare agli oceani e i dati non sono incoraggianti.

Questo articolo è stato letto 3 volte.

Global warming, Greeenpeace, greenpeace, Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net