Giornata mondiale della Terra: le aziende stanno prendendo coscienza del tema ambiente

Condividi questo articolo:

In occasione della Giornata mondiale della Terra abbiamo chiesto a Carlo Erminero come sta cambiando il rapporto tra mondo produttivo e ambiente. C’e’ ancora molta strada da fare

Giornata mondiale della Terra, quale migliore occasione per interrogarsi sul rapporto tra business e ambiente. Quanto sono ‘verdi’ le nostre aziende? La sostenibilità è più un freno o può diventare occasione di sviluppo per il mondo che produce? Gli interrogativi non sono da poco. Inizilamente si è sviluppata sul tema una visione manichea, chi produce sporca necessariamente il mondo che abitiamo, oggi, invece, si sta cercando di applicare alla realtà un concetto molto difficile da attuare che è quello, secondo il quale, il mondo produttivo può trarre giovamento dal rispetto dell’ambiente e dal non sprecare le risorse.

In occasione della Giornata mondiale della Terra abbiamo chiesto a Carlo Erminero, titolare della CE&Co, società di marketing e ricerca sul consumatore, come stanno cambiando i rapporti tra le aziende e l’ambiente. “Ho la percezione che le aziende non abbiano tanta voglia di investire sull’ambiente, ma i loro consumatori se lo aspettano. Quella che era una moda ora sta diventando il perno di una nuova strategia di sviluppo commerciale. Il cambiamento nel rapporto tra mondo del business e rispetto dell’ambiente sta avvenendo in questi mesi; secondo me, il disastro nucleare di Fukushima ha contribuito molto. Quello che si è visto in Giappone non è stato solo il dramma della contaminazione ma il sentimento di distruzione dell’ambiente fisico. Ha fatto davvero molta impressione”.

Come vede invece Erminero la presa di coscienza ‘ambientale’ dei consumatori? “Nelle ricerche che abbiamo condotto l’anno scorso abbiamo cominciato a vedere che la gente è anche disposta a pagare di più l’energia rinnovabile. E devo dire che non ce lo aspettavamo. Così come anche ce lo ha confermato un lavoro di ricerca condotto proprio per Ecoseven.net lo scorso anno sul tema delle rinnovabili. Ma anche un altro fatto ‘storico’ mi ha colpito: nel gennaio 2011 i sacchetti del supermercato sono diventati ecologici e gli italiani hanno dovuto cambiare le loro abitudini, un segnale importante, perché in altri tempi avresti avuto una sommossa popolare”.

(a cura di michele guerriero)

Questo articolo è stato letto 5 volte.

ambiente, aziende e ambiente, carlo erminero, consumatori e ambiente, fukushima, Giornata mondiale della Terra, pianeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net