ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Finite le risorse della Terra, andiamo a debito

Condividi questo articolo:

Ieri abbiamo esaurito il budget annuale che la Terra ci mette a disposizione

 

 

Si sono esaurite ieri, 20 agosto 2013, le risorse naturali della Terra a disposizione per l’uomo nel 2013: il Mondo va a debito. A calcolare l’‘Earth Overshoot Day’è stato il Global Footprint Network, secondo cui ormai si consumano 1,56 pianeti l’anno. Cosa significa? Significa che ieri l’umanità ha esaurito il suo budget ecologico per un anno e vivrà oltre il limite. Dal 20 agosto manterremo il nostro debito ecologico prelevando stock di risorse ed accumulando anidride carbonica in atmosfera.

Il Global Footprint Network misura la domanda e l’offerta di risorse naturali e di servizi ecologici nel mondo, arrivando a dimostrare come in circa 8 mesi consumiamo più risorse rinnovabili e capacità di sequestro della CO2 di quanto il pianeta possa mettere a disposizione per un intero anno.

Lo scorso anno il budget di risorse della Terra era stato esaurito il 22 agosto, mentre nel 1993 era il 21 ottobre. Dal 1970 l’impronta ecologica degli abitanti della Terra è più che triplicata, e a questi ritmi serviranno le risorse di due pianeti entro metà secolo. Per quanto riguarda l’Italia, i calcoli degli esperti hanno trovato che l’impronta ecologica sta diminuendo dopo il picco dei primi anni 2000, ma è comunque quasi quattro volte superiore alla biocapacità del nostro paese. Da questo punto di vista i peggiori al mondo sono i giapponesi, che consumano 7,1 ‘Giapponi’ l’anno, mentre alcuni paesi come Canada, Australia, Brasile o Australia riescono a produrre più di quanto consumano.

(gc)

Questo articolo è stato letto 13 volte.

impronta ecologica, risorse naturali, risorse Terra

Comments (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net