ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: Palermo (FieraMilano), 'pronti a far ripartire macchina organizzativa'-Motomondiale: Marquez, 'bella sensazione essere di nuovo in MotoGp'-Covid: Rolfi, 'riaperture rimettono in moto filiera agroalimentare lombarda'-Covid: Aria, nessuno sbilanciamento nel modello organizzativo-Governo: Tajani, 'no a patrimoniale e a divisioni su temi etici'-Covid: Tajani, 'accelerare riaperture impianti sportivi e spettacoli all'aperto'-Recovery: Tajani, 'pieno sostegno, 40 per cento per Sud e puntare su Ponte Stretto'-Covid: Red Ronnie non ha diffamato Burioni, tribunale lo assolve-Covid: Red Ronnie non ha diffamato Burioni, tribunale lo assolve (2)-Covid: nuovo decreto per riaperture dal 26/4-Covid: Cecchetti (Lega), 'bene aperture annunciate, la Lombardia è pronta'-Tecno, greentech company diventa caso di studio alla Federico II di Napoli-**Covid: Aria, 'processi acquisto ancora frammentati, ma società ha meno di 10 mesi'**-Covid: Tajani, ‘riapertura cambio passo, merito anche di Fi’-**Covid:chef Locatelli(Masterchef)'ok riaperture ma non estendere orario serale grave errore'**-**Covid:chef Locatelli(Masterchef)'ok riaperture ma non estendere orario serale grave errore'** (2)-Monza: sorpreso a spacciare nei pressi stazione ferroviaria, arrestato-Caso Saguto: motivazioni giudici, 'soldi in trolley, patto corruttivo permanente'/Adnkronos-Caso Saguto: motivazioni giudici, 'soldi in trolley, patto corruttivo permanente'/Adnkronos (2)-Caso Saguto: motivazioni giudici, 'soldi in trolley, patto corruttivo permanente'/Adnkronos (3)

È sicuro mettere le foto dei bimbi su Facebook? I consigli della Polizia

Condividi questo articolo:

Come utilizzare i social network per non rischiare che le foto dei nostri bimbi finiscano nelle mani di malintenzionati?

Molti di noi usano i social network tutti i giorni per condividere ogni istante della nostra vita. Ci viene naturale, ma non dobbiamo mai dimenticare che stiamo rendendo pubblica la nostra vita e a volte anche quella degli altri.

Prendiamo i bambini: è corretto mettere le loro foto sui social network? È pericoloso postare su Facebook le foto dei nostri figli? La Polizia di Stato, nella sua pagina ‘Una vita da social‘ lo sconsiglia: ‘Un’azione però che è meglio evitare se non si vogliono mettere a rischio i nostri figli. Il primo pericolo è dovuto alla sua enorme diffusione che può portare alla visione delle immagini non solo di parenti o amici ma anche di persone sconosciute dalle cattive intenzioni, che potrebbero anche avvicinare i bambini nella vita reale.Un altro problema è la produzione di fotomontaggi che possono essere realizzati con le immagini prese da internet o dai social network. Scatti di minori che diventano materiale pedopornografico immesso sul mercato per essere venduto o scambiato tra i singoli o nei gruppi. La produzione, detenzione e la ricezione di tale materiale sono dei reati che la legge punisce ma che risultano ancora molto frequenti’.

Quindi bisogna utilizzare molta cautela e ricordarsi che si possono anche modificare le impostazioni della privacy del nostro profilo per far sì che determinati contenuti siano accessibili solo da persone fidatissime.

Inoltre è bene che i più piccoli quando navigano tengano a mente delle regole base. Ecco cosa dovremmo spiegare bene ai più giovani, sempre su consiglio della Polizia: ‘Non dare mai, a persone conosciute su Internet, il tuo nome, cognome, indirizzo, numero del telefono di casa, numero del telefono cellulare, nome della scuola che frequenti. Non mandare mai le tue foto a qualcuno conosciuto via Internet senza il permesso dei tuoi genitori. Leggi sempre le e-mail insieme ai tuoi genitori, controlla bene ogni allegato al messaggio. Attenzione!! Potrebbe contenere dei Virus che fanno impazzire il tuo computer! Se leggi o vedi qualcosa su Internet che ti fa sentire a disagio o ti spaventa parlane subito con i tuoi genitori o con le maestre. Non scambiare Mai il numero di telefono con persone conosciute su internet senza il permesso dei tuoi genitori’.

E quando andiamo a letto separiamoci da smartphone e tablet: evitare la luce dello schermo è la prima regola per dormire bene.

Questo articolo è stato letto 10 volte.

bimbi, facebook, foto, Polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net