ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Papa all'Adnkronos: Casini, 'Francesco prosegue azione di Benedetto XVI contro sporcizia'-Papa all'Adnkronos: Casini, 'Francesco prosegue azione di Benedetto XVI contro sporcizia' (2)-Air France-Klm: in III trim. rosso di 1,665 mld, in primi 9 mesi di 6,078 mld-**Papa all'Adnkronos: Castagnetti, 'Francesco apre suo cuore, sereno e sofferente'**-**Papa all'Adnkronos: Castagnetti, 'Francesco apre suo cuore, sereno e sofferente'** (2)-Google News Initiative, risultati e prospettive per gli editori italiani-Papa all'Adnkronos: Di Pietro, 'su corruzione Francesco vuole trasparenza ma c'è chi resiste' (2)-Papa all'Adnkronos: Di Pietro, 'su corruzione Francesco vuole trasparenza ma c'è chi resiste' (3)-Pil: Oxford Economics, quarto trim. sarà negativo ma non a livelli record-Papa all'Adnkronos: D'Incà, 'coraggio e umiltà, lezione a tutti su corruzione'-Papa all'Adnkronos: D'Incà, 'forza per lottare contro Covid, da difficoltà società migliore'-Nuovo terminal e 200 assunzioni, il porto di Palermo cambia volto-Palermo: nuovo terminal aliscafi e duecento assunzioni, il porto cambia volto (2)-Palermo: nuovo terminal aliscafi e duecento assunzioni, il porto cambia volto (3)-Palermo: nuovo terminal aliscafi e duecento assunzioni, il porto cambia volto (4)-**Papa all'Adnkronos: Rotondi, 'parole storiche, no discontinuità con Ratzinger'**-**Papa all'Adnkronos: Rotondi, 'parole storiche, no discontinuità con Ratzinger'** (2)-Coronavirus: Chuzeat azzera commissioni a ristorazione su menù online-Coronavirus: Landini, 'investire su cultura per rilanciare il paese'-Il Papa all’Adnkronos: 'Il toto papa? Anche io penso a quel che sarà dopo di me'

Duemilatredici, uno degli anni piu’ caldi

Condividi questo articolo:

Il 2013 potrebbe rientrare tra i dieci anni più caldi a partire dal 1850, mentre il mare si alza a un livello record

 

 

 Il 2013 si profila tra i dieci anni più caldi registrati dall’inizio delle moderne misurazioni, nel 1850, mentre il livello dei mari ha raggiunto un nuovo record e sale a un ritmo di 3,2 mm l’anno. Lo ha rivelato l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm). 

Il livello dei mari è infatti aumentato ad un tasso medio di circa 3,2 millimetri l’anno, con alcune variazioni, scrive l’Omm. Questo livello è ”vicino al tasso di circa 3 mm/anno osservato nel decennio 2001-2010 e corrisponde al doppio della tendenza osservata nel XX secolo di 1,6 mm/anno”, aggiunge l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite che ha reso nota oggi la ”Dichiarazione provvisoria sulla del clima globale nel 2013”, basata sui primi nove mesi dell’anno (gennaio-settembre).

In futuro, ”i livelli dei mari continueranno a salire a causa dello scioglimento delle calotte di ghiaccio e dei ghiacciai. Più del 90% del calore in più stiamo generando con i gas serra è assorbito dagli oceani, che di conseguenza continueranno a riscaldarsi ed espandersi per centinaia di anni”, ha osservato il Segretario generale dell’Omm Michel Jarraud. Secondo i dati dell’Omm, nel 2013 la temperatura media in superficie (terre emerse e oceani) è risultata di circa 0,48 grandi centigradi superiore rispetto alla media calcolata per il periodo 1961-1990. Ed il 2013 dovrebbe risultare il settimo anno più caldo. ”Le temperature registrare finora quest’anno corrispondono più o meno alla media del periodo 2001-2010, che è stato il decennio più caldo”, ha commentato Jarraud. ”Tutti gli anni più caldi sono stati registrati dal 1998” in poi e ”gli anni più freddi ora risultano più caldi rispetto agli anni più caldi prima del 1998”, ha aggiunto. 

Jarraud ha quindi osservato che le ”concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica e di altri gas a effetto serra hanno raggiunto nuovi record nel 2012” e che anche per il 2013 si prevedono ”livelli senza precedenti. Questo – ha aggiunto – significa che andiamo verso un futuro più caldo”. Nei primi nove mesi del 2013, molte regioni hanno registrato temperature superiori alla media in particolare l’Australia, il nord dell’America del Nord, il nord-est dell’America del Sud, l’Africa del Nord e parte dell’Eurasia.

Jarraud ha evocato i fenomeni estremi ed il tifone Haiyan (Yolanda) osservando che anche anche se i singoli cicloni tropicali non possono essere direttamente attribuiti ai cambiamenti climatici, i livelli del mare più elevati rendono le popolazioni costiere più vulnerabili. Lo abbiamo visto con conseguenze tragiche nelle Filippine”. com

Questo articolo è stato letto 3 volte.

anni, anni più caldi, livello dei mari, mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net