Divieto patatine fritte per acrilammide? Il Belgio insorge contro l’UE

Condividi questo articolo:

I belgi temono di dover cambiare la ricetta delle loro celebri patatine. Sotto accusa c’è l’acrillamide

I belgi temono per una delle loro prelibatezze: le patatine fritte, che potrebbero essere messe al bando dall’Europa a causa dell’Acrilammide, una sostanza dannosa per la salute ch si sviluppa durante la cottura ad alte temperature. L’amido infatti può essere cancerogeno a causa dell’acrilammide.

Il processo che rende le patatine fritte belghe croccanti fuori e morbide dentro deriva da una doppia fruttura, prima a bassa temperaura e poi a temperatura più elevata.

La Commissione europea, per rendere la ricetta meno dannosa per la salute, potrebbe imporre una breve bollitura alle patatine, ma questo cambierebbe il gusto alle celebri patate fritte del Belgio. Dopo la preoccupazione epressa dal ministro del turismo belga, a rassicurare i belgi è intervenuto il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas dicendo che “non c’è nessuna intenzione di bandire le patatine belghe o di altro tipo, siamo tutti molto attenti alle tradizioni culinarie e alle eredità culturali europee”.

Questo articolo è stato letto 18 volte.

Belgio, Patate Fritte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net