ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Diventare alberi dopo la morte: e’ nata Poetree, un’urna biodegradabile

Condividi questo articolo:

Grazie a Poetree, un’urna biodegradabile, dopo la morte si puo’ diventare alberi forti e rigogliosi. Poetree puo’ contenere sia le ceneri, sia l’albero da piantare

Dopo la morte si può diventare alberi, scoprendo la possibilità di una seconda vita: germogliare, crescere ed essere vigorosi e forti contro le calamità naturali, superare gli anni e diventare sempre più folti nonostante il tempo. Grazie a Poetree è possibile: dalle nostre ceneri potrà nascere un albero sano, robusto e centenario.

Poetree, l’urna funeraria che fa diventare alberi dopo la morte, è stata ideata dal designer francese Margaux Ruyant ed è la soluzione giusta per tutti coloro che desiderano una cerimonia funebre all’insegna della sostenibilità ambientale. Poetree è un contenitore biodegradabile, della giusta misura per contenere le ceneri e per piantare un piccolo albero. L’albero, crescendo, potrà espandere le proprie radici, mentre il contenitore, composto da materiali non inquinanti, come il sughero, si dissolverà nel terreno. Una volta che l’albero sarà stato piantato e che l’urna si sarà dissolta, si potrà decidere di conservare o di lasciare alla basse dell’albero la targa circolare in ceramica che sovrastava l’urna, su cui sarà stato inciso il nome del proprio caro scomparso.

poetree -_urna_ceneraria

L’urna Poetree, così come altre urne biodegradabili già esistenti, permettono alle persone care della persona estinta di avere qualcosa da accudire e curare ancora, offrendo loro la possibilità di una commemorazione continua.  

Poetree urna_funeraria

(gc)

Questo articolo è stato letto 171 volte.

alberi, diventare alberi dopo la morte, morte, urna funeraria albero, urna funeraria biodegradabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net